Pubblicato il

Tre Stolpersteine per i bambini napoletani vittima di Shoah, domani le celebrazioni a Piazza Carlo III con gli studenti della IV Municipalità

Domani mercoledì 3 febbraio alle ore 11.00 in Piazza Carlo III la IV Municipalità celebrerà la Giornata della Memoria. Verranno poste, in una delle piazze simbolo della Resistenza e delle Quattro Giornate di Napoli, tre pietre di inciampo (Stolpersteine) realizzate dall’artista Gunter Demnig in memoria di tre bambini partenopei vittime della Shoah. Verrà inoltre svelata una targa commemorativa per ricordare ai passanti il significato di questa installazione.

Alla cerimonia, che si svolgerà in forma ridotta per ottemperare alle misure di contenimento Covid-19, prenderanno parte, oltre al Presidente della Municipalità 4 Giampiero Perrella e ad altri rappresentanti istituzionali della Municipalità, il Presidente dell’ANPI Napoli Antonio Amoretti, Mario De Simone (fratello di Sergio De Simone) e una piccola rappresentanza di bambini delle scuole elementari e medie del territorio.

All’iniziativa ha aderito anche la Comunità Ebraica di Napoli con la Presidente Lydia Schapirer, che tuttavia non potrà essere presente per ragioni precauzionali dettate dal Covid ma che ha inviato un messaggio di adesione che sarà letto durante la cerimonia.

“Le Pietre d’inciampo servono a non dimenticare – dichiara il Presidente della Municipalità 4 Giampiero Perrella – e a onorare la memoria di tutte le vittime delle persecuzioni nazifasciste che il passare del tempo rischia di far dimenticare. La Municipalità 4 in tal senso da ormai cinque anni ha avviato con le scuole elementari e medie del territorio, e quindi con i nostri bambini e la nostra più grande eredità, un importante percorso per il recupero della memoria e per l’affermazione di una cultura della libertà e della tolleranza. Ed è proprio per questo che il nostro percorso oggi culmina col ricordo dei tre bambini napoletani vittime della Shoah: Sergio De Simone, Luciana Pacifici e Paolo Procaccia, i cui nomi saranno impressi sulle pietre di inciampo che mercoledì prossimo poseremo in piazza Carlo III, luogo simbolo della resistenza durante le Quattro Giornate. Le tre Stolpersteine in una piazza così importante saranno quindi un invito quotidiano alla riflessione affinché le orribili pagine del nostro passato non vengano più ripetute e siano da costante e quotidiano monito per noi e le generazioni future”.

La cerimonia assume maggior valore da un punto di vista simbolico perché segue di qualche giorno il caso esploso nella sede municipale di Gianturco, con una torta di Mussolini per festeggiare un pensionamento in un luogo istituzionale, e vuole essere anche una risposta fattiva e concreto all’accaduto. Spiega Perrella: “Le recenti manifestazioni fasciste sono la dimostrazione di quanto ancora c’è da fare e di come i simboli, che raccontano il sacrificio di milioni di vittime della Shoah e della Resistenza e che tengono viva una memoria fragile e troppo spesso negata, non siano mai abbastanza. Una cosa è certa: al di là di ogni singola esternazione, polemica o strumentalizzazione, la Quarta Municipalità è e resterà antifascista”.

Pubblicato il

Giorno della Memoria, la Ministra Azzolina annuncia l’istituzione di una Commissione per la didattica della Storia

lucia azzolina foto facebook

Al Ministero dell’Istruzione sarà istituita una Commissione per la didattica della Storia. Lo ha annunciato la Ministra Lucia Azzolina nel corso della celebrazione per il Giorno della Memoria che si è tenuta al Quirinale alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella.

“Ripercorriamo eventi che hanno dolorosamente segnato la nostra storia. Ma solo ricordando ciò che è stato possiamo, tutti insieme, evitare che l’orrore si ripeta. Alla scuola spetta il compito di aiutare i ragazzi, che sono le nuove generazioni, il nostro futuro, a coltivare la memoria. Per questo ho dato mandato di istituire una Commissione al Ministero dell’Istruzione sullo studio e sulla didattica della storia, in onore di Liliana Segre e in dono ai nostri studenti. Sarà guidata dallo storico Andrea Giardina. Dobbiamo far sì che i nostri giovani, studiando il passato, possano costruire un futuro migliore. La scuola è l’arma più potente da opporre a ogni possibile rigurgito di odio, a ogni forma di negazionismo”.

Così la Ministra Lucia Azzolina che, insieme al Presidente Sergio Mattarella, ha anche premiato le nove scuole che si sono distinte nel concorso I giovani ricordano la Shoah. Alla premiazione è intervenuta la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), Noemi Di Segni.

Il concorso – alla sua 18esima edizione – è bandito annualmente dal Ministero dell’Istruzione sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con la collaborazione dell’UCEI. L’iniziativa è rivolta agli alunni delle Scuole primarie e secondarie e promuove progetti e iniziative didattiche con l’obiettivo di un approfondimento e una riflessione tra i banchi sulla Shoah.

(fonte: Miur)

Pubblicato il

Napoli, alla IV Municipalità il Giorno della Memoria con le scuole medie del territorio

Venerdì 31 gennaio a partire dalle ore 10, in piazza Nazionale (Napoli), nell’ambito delle celebrazioni per il Giorno della Memoria la IV Municipalità e una rappresentanza di studenti delle scuole medie del territorio scopriranno una targa commemorativa in ricordo delle vittime della Shoah ai piedi dell’albero di ulivo piantato due anni fa.

Alla manifestazione “Napoli non dimentica”, organizzata con il supporto della Comunità Ebraica di Napoli, parteciperà la Presidente della Comunità Ebraica di Napoli Lydia Schapirer oltre al Presidente della IV Municipalità Giampiero Perrella e l’Assessore municipale alla Cultura Regina Claudia Chiodi.

La nuova targa sostituirà quella precedente collocata due anni fa e di recente vandalizzata. “Un gesto indegno – spiega Perrella – che dimostra quanto lavoro ci sia ancora da fare in termini di educazione e sensibilizzazione sulla Shoah e sui valori più in generale della tolleranza e della solidarietà. Ovviamente non saranno questi comportamenti a frenarci, per questo ricollocheremo una nuova targa ai piedi di quell’albero di ulivo piantato due anni fa e che cresce forte e rigoglioso proprio come la memoria che vogliamo tramandare”.

Nel corso dell’iniziativa, gli alunni delle scuole medie ricorderanno la Shoah attraverso musica e canzoni, oltre a poesie e brani tratti dal Diario di Anna Frank.  Verranno inoltre affisse dagli studenti al Muro della Memoria le schede anagrafiche delle vittime napoletane della Shoah. Queste targhe daranno vita ad una mostra temporanea che potrà essere ospitata stabilmente presso le scuole della municipalità.

“Storia e memoria – dichiara Perrella – sono risorse fondamentali per la nostra città e per le nuove generazioni. Non dimenticare significa anzitutto tramandare la memoria e ricordare ci aiuta ad andare verso un futuro migliore e diverso”. 

“In tal senso da circa quattro anni come Municipalità – aggiunge il Presidente Perrella – celebriamo questa ricorrenza e, anche quest’anno, lo faremo partendo dai ragazzi delle scuole perché rappresentano appunto il futuro e, come noi oggi, anche loro domani dovranno assumersi la responsabilità di raccontare quei tragici eventi per impedire che possano ripetersi”. 

Pubblicato il

“Giornata della Memoria”, Azzolina e Segre agli Arcimboldi di Milano

lucia azzolina foto facebook

In occasione delle celebrazioni della “Giornata della Memoria”, oggi, lunedì 20 gennaio, al Teatro degli Arcimboldi di Milano, la Ministra Lucia Azzolina prenderà parte all’evento che darà voce alla testimonianza, rivolta in particolare agli studenti, della Senatrice a vita Liliana Segre. L’iniziativa prenderà il via alle 10.30.

“In un momento storico in cui la voce dei sopravvissuti si va inevitabilmente affievolendo, dobbiamo lavorare tutti insieme per non disperdere la memoria di ciò che è stato. E alimentarla con una profonda conoscenza storica”. Sono le parole che la Ministra Azzolina ha rivolto a tutti gli studenti e docenti degli istituti scolastici italiani in una lettera che invita le scuole a seguire in diretta streaming la testimonianza della senatrice Segre.

“Vi scrivo come Ministra, ma anche come docente di Storia e Filosofia: attraverso lo studio dobbiamo comprendere le ragioni profonde che portarono allo sterminio nei campi di concentramento. Dobbiamo farlo per evitare che tutto ciò si ripeta”, ha spiegato Azzolina.

L’evento, organizzato dall’Associazione “Figli della Shoah”, rientra nel lungo percorso di cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione che ha l’obiettivo di rendere onore alla Memoria di tutte delle vittime della Shoah e delle persecuzioni razziali.

L’incontro con la senatrice Liliana Segre e la Ministra Lucia Azzolina potrà essere seguito in diretta sul sito del Corriere della Sera www.corriere.it , partner dell’iniziativa, e sul sito del Ministero dell’Istruzione, www.miur.gov.it.

(fonte: Miur)

Pubblicato il Lascia un commento

Viaggio della Memoria 2019

Viaggio della Memoria (foto: Miur)

Sono oltre cento gli studenti partiti domenica da Roma verso la Polonia per l’annuale Viaggio della Memoria organizzato dal Miur, con la collaborazione dell’Ucei, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, per commemorare le vittime della Shoah. I ragazzi coinvolti nell’iniziativa hanno avuto l’opportunità di partecipare a un’esperienza didattica significativa: hanno ascoltato le testimonianze di chi ha vissuto la tragedia dell’Olocausto, hanno visitato i luoghi dove i fatti sono avvenuti, hanno riflettuto e si sono interrogati su quello che è stato, affinché non accada mai più.

Gli studenti sono stati guidati dalle sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute ad Auschwitz e testimoni dell’Olocausto. Hanno partecipato al Viaggio anche Giuseppe Chiné, Capo di Gabinetto del Miur, Noemi Di Segni, Presidente dell’Ucei, David Ermini, Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Francesco Minisci, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, lo storico Marcello Pezzetti.

I ragazzi che hanno raggiunto la Polonia sono stati scelti con le loro scuole per aver realizzato i migliori progetti didattici sul tema della Shoah. Da anni il Miur bandisce infatti un concorso in occasione delle commemorazioni del Giorno della Memoria, il 27 gennaio.

Nella due giorni del Viaggio gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare il campo di sterminio di Birkenau e il ghetto istituito dai nazisti nel 1941 nel quartiere Podgorze di Cracovia. Ma anche l’antico quartiere di Kazimierz e il Museo di Auschwitz. Nella Sinagoga di Tempel è stata siglata una Lettera d’Intenti tra il Miur, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, il Consiglio Superiore della Magistratura e l’Associazione Nazionale Magistrati per promuovere attività di sensibilizzazione e formazione nelle scuole sulle tematiche della Shoah.