Pubblicato il

Bellanova: “Grazie alla riapertura assicuriamo il pieno diritto allo studio dei nostri ragazzi”

“Oggi finalmente riaprono scuole elementari e medie e 6 milioni di studentesse e studenti possono tornare a scuola, anche in zona rossa. Dopo un anno e troppi giorni di presenza persi, torniamo ad assicurare il pieno diritto allo studio a tante ragazze e ragazzi, bambine e bambini. A restituire loro una scuola che sia apprendimento, socialità, sviluppo, educazione a 360 gradi. E a farlo nella piena tutela della salute e della sicurezza, loro e dei loro docenti. Allo stesso modo diamo respiro a tanti genitori, e in particolare tante donne, che in questi mesi hanno dovuto necessariamente dividersi fra lavoro e cura familiare, per seguire i figli, spesso piccoli, rimasti a casa in DAD. Una decisione che sollecitavamo da maggio scorso, chiedendo vaccini per gli insegnanti e tamponi per gli studenti, con l’obiettivo di garantire formazione e sicurezza di fronte alla possibilità dei contagi. Oggi finalmente possiamo dire bentornati a scuola!”.

Oggi finalmente riaprono scuole elementari e medie e 6 milioni di studentesse e studenti possono tornare a scuola, anche…

Pubblicato da Teresa Bellanova su Mercoledì 7 aprile 2021

Le parole sono tratte dal profilo Facebook di Teresa Bellanova, ex Ministro alle Politiche Agricole e attualmente viceministro alle Infrastrutture e Mobilità Sostenibile. “Ribadendo allo stesso tempo l’impegno a lavorare per far sì che anche le scuole superiori, con i 3 milioni di ragazze e ragazzi che le frequentano, possano presto riaprire, e che la scuola in presenza possa tornare ad essere la norma, per tutte e tutti”, aggiunge.

Pubblicato il

Natale 2020: gli studenti del Petronio di Pozzuoli presentano il loro menu di Natale al ministro Bellanova

Un pranzo che potrebbe andare dinanzi ad un re. O, come in questo caso, in videoconferenza con un Ministro della Repubblica. Nemmeno il covid ha arrestato le attività didattiche del Petronio di Pozzuoli che, come da consuetudine, ha elaborato il menù tradizionale delle feste. I piatti tipici della tradizione napoletana e puteolana sono stati presentati il 23 dicembre in un webinar con il ministro all’Agricoltura Teresa Bellanova.

Gli studenti hanno elaborato un ricettario che prevede prodotti tipici, economici e sani. Le ricette recano la possibilità di apportare delle varianti in funzione degli ingredienti disponibili a casa e facilmente rinvenibili in commercio e sono strutturate per una facile preparazione per poche persone. Le ricette sono corredate di informazioni nutrizionali per evidenziare l’importante apporto nutritivo di una sana alimentazione. L’idea è nata nell’ambito della Rete degli Istituti Alberghieri dell’Ittico fondata da Assoittica Italia e dall’Istituto Alberghiero Tor Carbone di Roma ed in collaborazione con l’Organizzazione Interprofessionale della Pesca e dell’Acquacoltura. All’evento partecipa l’Associazione Psicologici del Lazio.

Il Petronio è l’unico istituto alberghiero della Campania ad aderire alla Rete. Al webinar parteciperà il dirigente scolastico, il professor Filippo Monaco. “La nostra partecipazione a questo evento di portata nazionale ci rende orgogliosi – spiega Monaco – e ci proietta in una dimensione nuova della scuola che ha dimostrato, nonostante le difficoltà, di essere una istituzione che non si ferma davanti alla pandemia. I nostri docenti hanno elaborato un menù che rispecchia la nostra grande tradizione culinaria. Non abbiamo proposto solo piatti noti, ma abbiamo recuperato antiche ricette della tradizione marinara delle nostre coste, puteolana in particolare”.

Di seguito il menù che hanno presentato i docenti e alunni dell’Ipseoa Petronio di Pozzuoli. Vigilia di Natale: insalata di mare, spaghettoni “cape’ e core’” con il capitone e pesce bandiera alla puteolana con broccoli di Natale all’insalata e per finire struffoli. Pranzo di Natale: polpo all’insalata, linguine nocciole e acciughe, frittura di baccalà, gamberi e calamari con insalata di rinforzo e roccocò. Cenone di San Silvestro: tortino di alici, spaghetti con i lupini, totani ripieni alla puteolana con friarielli al forte e cassatina napoletana.