Pubblicato il Lascia un commento

18app confermata per i 2002, lo dice la Legge di Bilancio

18app 2021

Centosessanta milioni per finanziare il bonus Cultura 18app anche per il prossimo anno. L’informazione tanto attesa dai prossimi neomaggiorenni è contenuta nella Legge di Bilancio che in queste ore è in discussione in Senato e – salvo particolari stravolgimenti – vedrà a breve la promulgazione.

Confermato anche per il 2020 quindi il bonus di 500 euro destinato a chi compie 18 anni nell’anno solare seguente. Bonus che i giovani potranno investire per comprare libri, quotidiani, musica, ingresso a musei, cinema, concerti o rappresentazioni teatrali, e anche (ultima novità) per l’home video.

In realtà, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio sarà il Mibac, insieme al Ministero dell’Economia, a dover stabilire (entro 60 giorni) quali saranno le modalità di utilizzo del bene. Ma non dovrebbero esserci, anche in questo caso, motivi di credere che modalità ed erogazione di 18app cambino.

Pubblicato il Lascia un commento

Il ministro Amendola al Suor Orsola, il rettore: “A Napoli il più grande polo nazionale di ricerca nel campo dei beni culturali”

lucio d'alessandro amendola suor orsola

“A Napoli può nascere il più grande polo nazionale di ricerca, formazione e investimento nel campo dei beni culturali e delle sue tecnologie più avanzate”.  Lo ha annunciato il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, aprendo, al fianco del Ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola, il convegno dedicato al tema “La Brexit e le nuove sfide dell’Unione Europea”. Unariflessione ideata dal Suor Orsola ad un anno dall’inaugurazione del suo Centro per gli Affari Internazionali di Bruxelles.

“Ho illustrato questa ipotesi al Ministro Amendola in un incontro preliminare al convegno – ha evidenziato d’Alessandro – ed ho colto con soddisfazione la sua disponibilità ad una riflessione anche perché, come ci ha spiegato, sul piano europeo ci sono grandi possibilità di sviluppo per questo tema e una grande considerazione verso il nostro Paese nel settore dei beni culturali”.

L’idea ha già un suo progetto embrionale perché a Bruxelles proprio la valorizzazione del patrimonio culturale italiano attraverso le nuove tecnologie è uno dei pilastri del lavoro del Centro per gli Affari Internazionali dell’Università Suor Orsola Benincasa che coordina, in questo settore, il lavoro internazionale del Cluster Tecnologico Nazionale TICHE (Technological Innovation in Cultural Heritage) che ha già aggregato ben 45 soggetti giuridici pubblici e privati costituendo una rete formata da ben 30 Università italiane (da Milano a Palermo), tre Distretti tecnologici regionali, alcuni dei più prestigiosi Centri di ricerca nazionali (dal CNR all’Enea) ed importanti imprese del Paese che operano nel settore dell’innovazione tecnologica.

“L’Università Suor Orsola Benincasa – ha sottolineato il Ministro Amendola – ha fatto un investimento intelligente ed importante non solo per l’Ateneo ma per i giovani del Sud in generale, perché scegliere di investire su Bruxelles e sulle grandi opportunità progettuali dell’Unione Europea significa provare a rendere più forte il nostro territorio della Campania e del Mezzogiorno e sviluppare possibilità concrete per costruire un futuro migliore per le giovani generazioni”.

Pubblicato il Lascia un commento

MiBAC: premiate 71 scuole nell’ambito del Piano Cultura Futuro Urbano

cultura futuro urbano mibac

Sono 71 le scuole vincitrici per un finanziamento complessivo di 4 milione 750 mila euro. Scuola attiva la cultura è un progetto coordinato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del MiBAC.

L’iniziativa nata nell’ambito del Piano Cultura Futuro Urbano presentato dal Ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli lo scorso 7 maggio, ha finanziato progetti che mirano a diversificare e ampliare l’offerta culturale a favore delle comunità di riferimento, anche in collaborazione con istituzioni pubbliche, soggetti privati locali, società civile organizzata, artisti e creativi.

“Sono convinto che la Cultura sia un buon viatico per il rilancio e la riqualificazione delle periferie. Il Piano Cultura Futuro Urbano – afferma il Ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli – è un progetto che ho fortemente voluto per promuovere servizi innovativi nei quartieri prioritari e complessi delle aree urbane del Paese con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dell’intera collettività. Un’offerta culturale diversificata che costituisce un ponte verso la crescita sociale e umana di aree ricche di energie vitali che in alcuni casi hanno solo bisogno di essere attivate”.

Hanno partecipato al bando 131 scuole su tutto il territorio nazionale così suddivise: 30 al Nord, 34 al Centro, 67 al Sud e Isole.

La commissione, designata dal Direttore Generale DGAAP, ha individuato i 71 progetti vincitori; 16 le scuole premiate nelle Regioni del Nord, 19 nelle Regioni del Sud e 36 nelle Regioni del Sud e delle Isole.

“Le scuole – afferma il Direttore Generale DGAAP Federica Galloni – hanno risposto con grande interesse e capacità di rete, i progetti premiati favoriranno le relazioni sociali e l’innovazione culturale per il benessere delle comunità contribuendo al tempo stesso ad attivare e rilanciare le microeconomie locali attraverso processi culturali condivisi”.

(fonte: Mibac)

Pubblicato il Lascia un commento

Come Bonisoli e Bussetti hanno salutato Camilleri

andrea camilleri ultimo saluto

“Se ne va un genio della letteratura del Novecento”. Affida a un comunicato stampa a firma del ministro Alberto Bonisoli il Mibac l’ultimo saluto allo scrittore e intellettuale Andrea Camilleri. Il responsabile del dicastero ai Beni e Attività Culturali ricorda così il maestro siciliano: “Regista teatrale, sceneggiatore, scrittore prolifico e instancabile, il maestro Andrea Camilleri lascia un vuoto profondo nella cultura italiana. Se ne va un fine intellettuale. Se ne va uno dei migliori interpreti della sicilianità. Se ne va un galantuomo, direbbero nella ‘sua’ ‘Vigata’, che con il suo stile unico, ironico e dolce, pungente e critico, è riuscito ad avvicinare tanti italiani alla lettura, a promuovere nel mondo l’immagine della sua terra, la Sicilia, a riscattarla, con il ‘suo’ commissario Montalbano, narrandone vizi e virtù. Ci mancherà moltissimo”. 

Il suo pari del Miur, Marco Bussetti, affida il suo ultimo saluto a Facebook, defilandosi così dall’impietosa polemica tra la base leghista e i fan dello scrittore, da sempre critico nei confronti del leader del Carroccio Matteo Salvini.

Bussetti, su Facebook, scrive: “Addio a Andrea #Camilleri. Fine intellettuale, è stato autore di romanzi straordinari, anche a sfondo storico, che sono dei mirabili affreschi della nostra realtà. L’Italia perde uno dei suoi più grandi letterati”.

Pubblicato il Lascia un commento

Ripristinata 18app, in arrivo i fondi del Ministero

18app continuerà a essere erogata anche per i neomaggiorenni del prossimo anno. Si evince da quanto deciso nella seduta del 1 luglio 2019 del Consiglio dei Ministri. I 100 milioni di euro necessari per coprire l’erogazione del bonus Cultura per i 18enni sono di nuovo “al loro posto”.

Bonisoli: una “non notizia”

“I 100 milioni della 18App per i nati nel 2001 furono spostati momentaneamente dopo un accordo tra me e la viceministro del Mef Castelli per una questione contabile. Lo dissi allora e ora ho semplicemente mantenuto quel che avevo dichiarato”. Questo il commento netto del ministro competente in materia Alberto Bonisoli.

Gli editori: “Soddisfatti dalla riconferma delle risorse”

“Siamo soddisfatti che, facendo seguito alle rassicurazioni autorevolmente date dal ministro dei beni e delle attività culturali Alberto Bonisolie dal viceministro dell’Economia Laura Castelli, queste risorse siano state confermate”. Così commenta Ricardo Franco Levi, presidente AIE (Associazione Italiana Editori).

Anche su Mondo Docenti Shop è possibile spendere il proprio Bonus Cultura 18 app.

Pubblicato il Lascia un commento

18app solo per i libri: ma è vero o no?

18app 2021

Anche per i nati nel 2001 il bonus cultura 18app da 500 euro è stato confermato ma – suscitando scalpore e polemiche – ad un certo punto sembrava dover cambiare la sua funzione ed essere destinato solo all’acquisto di libri e e-book.

Dove nasce la notizia?

Il caso è stato sollevato dal Corriere della Sera che in data 17 dicembre ha scritto che in futuro 18app sarebbe cambiata, diventando utilizzabile solo per comprare libri e e-book. Niente più concerti, niente più musei. Un paradosso, pensando a quanto poi si siano rivelati appetibili questi modi di fruire del bonus cultura, si pensi all’interrogazione alla Camera del presidente di Assomusica Vincenzo Spera.

La smentita del sottosegretario Gianluca Vacca

Ma il tam-tam sui social e sui siti è stato rapido e ha scosso parecchi giovani. Tanto da rendere indispensabile, in serata, l’intervento di Gianluca Vacca (area M5S). Il sottosegretario ai Beni Culturali, intervistato da AgCult, ha smentito categoricamente le future limitazioni a 18app che potrà quindi essere utilizzata ancora per teatri, cinema e concerti.

Gianluca Vacca, M5S (foto Camera dei Deputati)
Gianluca Vacca, M5S (foto Camera dei Deputati)

Anzi, Vacca rincara la dose:

Per il governo la cultura è un asset strategico e cinema, teatri, concerti sono eventi culturali cui vogliamo assolutamente avvicinare i nostri giovani. Così stanno le cose, il resto sono chiacchiere e polemiche inutili

Chiacchiere inutili, quindi. L’esecutivo non limiterà 18app solo ai libri.

I libri restano comunque un must per 18app

Resta comunque da dire che i dati non si prestano a interpretazioni in questo caso: 18app è usata per i libri prevalentemente. Secondo i dati del Mibac “La lettura si dimostra di gran lunga il prodotto culturale più apprezzato dai neo maggiorenni: oltre l’80% del valore della spesa complessiva nei due anni del bonus cultura ha riguardato i libri (98% libri cartacei; 2% ebook). Seguono concerti e musica, che insieme raccolgono oltre il 10% della spesa, e cinema con oltre il 7% del valore degli acquisti”.

Vi ricordiamo che potete spendere il bonus 18app in libri sui siti del circuito Matacena già ottimizzati per l’utilizzo del bonus cultura:

Inoltre, potete spendere il vostro Bonus Cultura 18app anche sul nostro portale Mondo Docenti, nella sezione Shop.

Pubblicato il Lascia un commento

18app: Mibac – Guardia di Finanza, protocollo d’intesa

Il Ministro per i beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, e il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa volto a promuovere un costante interscambio di dati, notizie e informazioni utili per le attività di rispettiva competenza nonché a potenziare le iniziative a contrasto dei fenomeni di frode connessi con le pubbliche erogazioni.

In questa prospettiva, i nuovi rapporti di partenariato perseguono l’obiettivo di orientare i controlli nel settore della spesa pubblica, in base a mirate analisi di rischio, attinenti, tra l’altro, all’attuazione del programma del “bonus cultura 18 app”, settore nel quale i Reparti della Guardia di Finanza hanno già accertato importi indebitamente utilizzati per oltre 1.600.000 euro, nei confronti di oltre 700 soggetti.

Le medesime linee di collaborazione consentiranno tra l’altro alla Guardia di Finanza, di concerto con il Mibac, di valorizzare e promuovere il proprio patrimonio storico, artistico e architettonico.

“Sono particolarmente soddisfatto della firma di questo accordo che rafforza – ha dichiarato Bonisoli – le collaborazioni in atto con la Guardia di Finanza. Nel pieno rispetto delle attribuzioni rimesse alle varie forze di polizia, abbiamo individuato spazi significativi per rendere ancor più efficaci e sinergici i rapporti tra Mibac e GdF. Le competenze di polizia economico-finanziaria del Corpo sono per noi, soprattutto in questa fase, un notevole valore aggiunto, specie nell’ambito di progetti riguardanti i controlli su interventi di grande rilevanza e impatto economico sui territori. Penso altresì alle  iniziative da realizzare per la tutela, la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico della Guardia di Finanza, anche per amplificare quel messaggio di cultura e legalità che riflette un binomio straordinariamente importante per questo Ministero”

(fonte: Mibac)

Pubblicato il 1 commento

18app, dal 7 gennaio via alla registrazione per i 2000

18app 2021

Dopo un iter estremamente lento, con notizie e supposizioni che si sono accavallate nell’arco dei mesi e con i neomaggiorenni in cerca di lumi ovunque, finalmente 18app diventa realtà anche per i nati nel 2000.

La conferma definitiva

Lo sblocco dei fondi anche per chi ha compiuto 18 anni nel 2018 è arrivato ufficialmente il 21 dicembre scorso,con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (decreto – Dpcm 138 del 7 dicembre 2018). Adesso c’è anche la data per la registrazione: 7 gennaio 2019. Da quel momento il sito di 18app permetterà ai nati nel 2000 di registrarsi. La conferma sullo stesso portale in cui la data è pubblicata a caratteri cubitali.

Come accedere al bonus cultura di 500 euro 18app?

Per fare richiesta e vedersi accreditato il proprio bonus Cultura di 500 euro bisognerà registrarsi al portale 18app attraverso la propria identità digitale (SPID). Per ottenere un’identità digitale è sufficiente avere 18 anni e registrarsi con uno degli 8 Identity Provider disponibili (come Poste ID o Aruba).

Una volta fatto ciò, sarò possibile registrarsi alla piattaforma 18app per vedersi erogato il bonus.

Cosa posso comprare con 18app?

Nonostante a un certo punto si siano rincorse voci su un ridimensionamento di 18app (economico e da un punto di vista di prodotti e/o servizi accessibili con il bonus Cultura) alla fine tutto resta invariato rispetto agli scorsi anni. Si potranno acquistare beni per un totale di 500 € delle seguenti tipologie:

  • Cinema (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Concerti (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Eventi culturali (biglietto d’ingresso a festival, fiere culturali, circhi)
  • Libri (audiolibro, ebook, libro)
  • Musei, monumenti e parchi (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Teatro e danza (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Musica registrata (cd, dvd musicali, dischi in vinile, musica on line)
  • Corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Dove acquistare online con 18app

I siti del gruppo Matacena sono già ottimizzati per l’acquisto con 18app (così come per Carta Docente). Non farti trovare impreparato e visita una delle piattaforme già predisposte e ottimizzate per l’utilizzo del voucher.

Pubblicato il Lascia un commento

Riparte 18app, il plauso degli editori: “Un grande aiuto ai ragazzi”

18app 2021

Questione di poco, e finalmente i nati nel 2000 potranno finalmente accedere al loro bonus cultura di 500 euro erogato dal Mibac con 18app. La conferma definitiva del bonus cultura che viene esteso a chi ha compiuto o compirà 18 anni nel 2018 è stata accolta con entusiasmo dagli operatori di settore.

Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione Italiana Editori (Aie), ha così commentato la firma del decreto attuativo: “Siamo molto soddisfatti per la firma del decreto della 18app da parte dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli. Parliamo a nome di tutti gli editori, ma siamo sicuri che insieme a noi condividono soddisfazione e plauso l’intero mondo del libro e, soprattutto, i giovani 18enni che avranno così a disposizione un fondo per acquistare libri”.

“Il bonus cultura – spiega Levi – si è rivelato lo strumento che più ha aiutato la lettura negli ultimi anni. È un grande aiuto ai ragazzi, alle loro famiglie e a tutto il mondo del libro, anche in vista del Natale”.

Pubblicato il 1 commento

18app, 17mila firme sulla petizione in 24 ore. E Bonisoli firma il decreto

18app 2021

Parte finalmente 18app, dopo che nelle ultime ore i movimenti di protesta, soprattutto sul web, hanno iniziato a farsi sentire in maniera forte.

Su Change, la famosa piattaforma di petizioni online, è comparsa in queste ore anche una (promossa dai giovani Dem) che si interroga su che fine abbia fatto 18app. Il bonus cultura per i nati nel 2000, infatti, era ancora smarrita da qualche parte, nonostante sia dal ministro Bonisoli che da altre parti le rassicurazioni dell’erogazione a breve del voucher di 500 euro risalgano a più di un mese fa. Petizione che trovate a questo link e che è descritta così:

“Il 17 ottobre il Ministro della Cultura Alberto Bonisoli ci rassicurava su 18App dicendoci che era tutto pronto e che a breve sarebbero partire le registrazioni per i ragazzi del 2000 per poter accedere al Bonus Cultura. Ben 35 giorni dopo tutto tace. I soldi sono stati stanziati dal Governo precedente, il mille proroghe doveva sbloccarli, il Ministro si era impegnato in diretta televisiva e invece niente, nessuna notizia. Non vi è bastato insultare i 18enni? Definire il bonus “marchetta elettorale”? Continuate a prenderci in giro facendo sparire soldi destinati a noi per farli finire chissà dove? Noi vogliamo accedere al patrimonio culturale del nostro Paese. Vogliamo che ci sia garantito quanto ci è stato promesso e assicurato. Noi vogliamo un Governo che investe sulla cultura anziché tagliare. Noi vogliamo 18App”.

La firma di Bonisoli

Elezioni: presentazione candidati M5s nei collegi uninominali
Alberto Bonisoli, candidato M5s nei collegi uninominali di Milano, in occasione della presentazione, 13 febbraio 2018. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

“A chi dice che la nostra generazione è disinteressata e non è capace di mobilitarsi per le cose a cui tiene noi abbiamo voluto rispondere così: mobilitando più di 17.000 ragazzi in sole 24 ore. Abbiamo vinto anche stavolta perché il Ministro Bonisoli ha finalmente firmato il decreto che sblocca #18App per tutti i ragazzi nati nel 2000”. Così commentano i ragazzi che hanno lanciato la petizione sulla pagina della stessa a fine giornata del 23 novembre.

Il ministro dei Beni culturali, Bonisoli, infatti, ha firmato in serata il decreto attuativo che integra ed estende il bonus Cultura a chi ha compiuto o compirà 18 anni nel 2018. Lo ha reso noto il Mibac. Il provvedimento sarà operativo con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il giorno successivo i ragazzi potranno registrarsi alla piattaforma 18app.it, entro il 30 giugno 2019, e spendere il bonus ottenuto entro il 31 dicembre 2019.