Seconda edizione del concorso Leo500, rivolto alle scuole superiori italiane

Seconda edizione per il concorso “Leo500”, nato nel 2019 e dedicato a Leonardo Da Vinci, di cui proprio lo scorso anno si è celebrato il 500esimo anniversario dalla morte. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Culturale Terre di Campania, in collaborazione con TermoClima Group, in partenariato con il Comune di Marigliano e con il sostegno della Regione Campania, nell’ambito della VII edizione del Premio “Terre di Campania”. Il Concorso è riservato alla partecipazione degli alunni delle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio Italiano. Il Concorso Leo500 intende valorizzare il settore della ricerca scientifica, stimolando la capacità di confronto e la creatività delle giovani generazioni su temi di particolare importanza per la realtà contemporanea. Il tema scelto è dedicato ad un problema di stringente attualità, che dovrà essere affrontato con un taglio scientifico dagli studenti, esprimendo il proprio pensiero al riguardo: “Il cibo: nutrimento per l’uomo, alimento per le tradizioni, la cultura e l’identità dei popoli. Da simbolo di convivialità a principale causa di crisi per il futuro della Terra.” Terre di Campania intende così condividere e avvalorare l’assegnazione del Nobel per la Pace 2020 al World Found Program, «per i suoi sforzi nel combattere la fame, per il suo contributo nel migliorare le condizioni per la pace nelle aree colpite da conflitti e per la sua azione nel guidare gli sforzi per prevenire l’uso della fame come un’arma di guerra e conflitto», come si legge nelle motivazioni del Norwegian Nobel Committee.

Anche Leonardo Da Vinci, cui è intitolato il Premio, tenne in gran considerazione il Cibo, nutrendo una grande passione per la cucina. Vegetariano secondo alcuni biografi, innovatore, sperimentatore in campo culinario come in mille altri, Leonardo fu per molti anni Gran Maestro di feste e banchetti alla corte degli Sforza, a Milano, e in occasione dell’EXPO 2015 ha ispirato l’allestimento del Padiglione Zero, Area Tematica, in cui venne raccontata la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il suo rapporto con la natura e con il cibo. Partendo da tali premesse, seguendo lo spirito del genio leonardesco, si invitano gli studenti ad affrontare il problema dell’acuirsi della disparità nella ripartizione delle risorse alimentari tra i popoli del nostro pianeta, analizzando la questione e proponendo soluzioni pratiche e innovative. In palio per i vincitori borse di studio per il valore totale di €1.000,00. Con questa iniziativa, il Premio Terre di Campania, nato quale riconoscimento alle personalità eccellenti della nostra regione distintesi in vari campi, eno-gastronomia, cultura, arte, spettacolo, impresa, ricerca, turismo, mondo sociale, sport, conferma la sua attenzione per il mondo della scuola, da sempre punto di riferimento per le attività di promozione e valorizzazione del territorio messe n campo dall’associazione. La cerimonia di consegna del premio avverrà presso il Santuario della Madonna della Speranza, Convento dei Frati Minori di San Vito in Marigliano (NA), venerdì 11 dicembre 2020, a partire dalle ore 19,30., salvo eventuali disposizioni anti-COVID19.

X