Chiusura anno scolastico, chiesto il tavolo tecnico con i sindacati e il Miur

Questa mattina, il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha incontrato in videoconferenza le organizzazioni sindacali rappresentative, per discutere sul prosieguo dell’anno scolastico e sulle altre tematiche inerenti al comparto scuola, tenendo conto del periodo critico che sta attraversando il nostro Paese. Tra le OO.SS. presente anche l’ANIEF che si è prodigato, immediatamente dopo, a inoltrare una formale richiesta di convocazione di un tavolo tecnico, congiuntamente con le altre OO. SS. rappresentative, sui provvedimenti volti alla chiusura dell’anno scolastico in corso, sull’avvio del prossimo anno scolastico e sui provvedimenti relativi alle istituzioni scolastiche derivanti dall’emergenza Coronavirus.

IL PARERE DI MARCELLO PACIFICO, PRESIDENTE ANIEF

“Come presidente ANIEF, fin dall’inizio dell’incontro, ho auspicato che questo tavolo possa diventare permanente perché, nel mese di aprile, ci si ritroverà a gestire in maniera ordinaria una situazione emergenziale. Cosa che invece non è accaduto nel mese di marzo, in cui si viveva ancora in una situazione straordinaria. Occorra che ci sia un maggior coinvolgimento da parte del sindacato nelle scelte che l’amministrazione deciderà di attuare, proprio perché il sindacato rappresenta tutti i lavoratori. Docenti e ATA, che in queste settimane si stanno prodigando con sacrificio a portare avanti l’anno scolastico”.

“A questo punto se si dovesse riaprire a maggio chiediamo al ministro dell’Istruzione di chiudere l’anno così senza mettere a rischio personale e studenti, per un mese, a pochi giorni dal picco contagio che dobbiamo ancora raggiungere. Basta dare indicazioni su come valutare scrutini ed esami”.

X