Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

Ci sono storie di questa Fase II che alimentano quella fiammella di speranza necessaria per non soccombere a una crisi economica ormai inevitabile, situazioni in cui chi fa impresa getta letteralmente il cuore oltre l’ostacolo. Piccoli eroi di oggi, a capo di PMI, che hanno lasciato lo scoramento a casa e non si sono rassegnati, si sono reinventati, hanno continuato a battere il ferro anche se caldo non era.

Tra questi possiamo fieramente annoverare il Gruppo Matacena, editore tra l’altro di questo sito di commenti relativi al mondo della scuola.

depositi libri scolastici gruppo matacena magazzino
I depositi del gruppo Matacena

Il gruppo guidato da Corrado Matacena è riuscito in un’impresa quasi epica: nonostante la chiusura delle scuole (core business del suo shop) è riuscita a crescere e oggi celebra ufficialmente le oltre 5000 spedizioni mensili di ordini arrivati attraverso i portali del gruppo (oltre questo ci sono Matacenagiochi, Matacenalibri, Oceanon e LibriMarket).

“Una soddisfazione enorme – commenta il patron Corrado Matacena – che dimostra che rimboccandosi le maniche è possibile uscire da questa crisi con le ossa meno rotte di quanto si crede. Certo, la situazione è davvero complessa e in tanti stanno avendo grandissime difficoltà a ripartire. Il nostro pensiero in questo momento di festa per il traguardo raggiunto va a tutti coloro che hanno bisogno davvero di ogni nostro augurio per uscire insieme da questa crisi”.

Come ha raggiunto il gruppo Matacena questo risultato? “Reinventandoci – spiega ancora Corrado – e potenziando il settore online. Parte della nostra attività fisica la abbiamo spostata sui siti attraverso le nostre infrastrutture digitali e abbiamo continuato a mantenere i rapporti diretti con insegnanti e altri stakeholder anche in pandemia utilizzando i nuovi strumenti a nostra disposizione. Il resto lo fa un’azienda presente da anni sul mercato che è strutturata per permetterci di assorbire i colpi, per quanto violento sia stato quest’ultimo”.

X