Il cinema entra nelle scuole: al via il progetto “Un esperto di cinema in ogni scuola”

Il cinema entra nelle scuole: al via il progetto “Un esperto di cinema in ogni scuola”

Febbraio 15, 2019 0 Di Redazione

È stato presentato oggi in occasione della conferenza stampa svoltasi presso l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna il percorso formativo Ipotesi Cinema – Un esperto di Cinema in ogni scuola. Il progetto si pone l’obiettivo di formare docenti sul linguaggio cinematografico e sulla lettura critica delle immagini.

Il progetto Ipotesi Cinema, proposto nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola, promosso dal MIUR e dal MIBAC, è organizzato dall’Istituto Comprensivo 12 di Bologna insieme agli Istituti Comprensivi 3, 4, 5, 13 e 22 di Bologna e agli Istituti Comprensivi di Ozzano dell’Emilia (BO), Budrio (BO), Pinerolo II Lauro (TO) e Rodari Annecchino Pozzuoli (NA), in collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna, Museo del Cinema di Torino e COINOR Università Federico II di Napoli.

Il Piano Nazionale Cinema per la Scuola prevede lo sviluppo di percorsi formativi per insegnanti ed educatori, finalizzati alla costituzione di un albo di esperti di cinema, secondo le indicazioni delineate dall’azione A1 del bando MIUR – MIBAC Cinema per le scuole 2018/19.

Tra gli obiettivi del progetto formativo: fornire ai docenti strumenti per una lettura critica delle immagini in movimento in modo da aiutare le nuove generazioni a non essere spettatori passivi ma capaci di decodificare messaggi, esprimersi con consapevolezza e costruire narrazioni, anche utilizzando le nuove tecnologie a loro disposizione.

Il corso è strutturato in due moduli. Il primo, della durata di trenta ore, si svolgerà nel corso di tre fine settimana nelle città di Bologna, Torino e Napoli. Durante questo primo modulo i docenti saranno guidati attraverso la storia del cinema tra generi, autori, correnti e sperimentazioni; verrà loro fornita la grammatica di base del linguaggio cinematografico e gli strumenti per interpretare un’opera cinematografica sapendo contestualizzarla e problematizzarla.

Il secondo modulo con modalità laboratoriali, della durata di 24 ore, si svolgerà esclusivamente a Bologna e metterà a disposizione dei docenti che hanno frequentato il primo modulo gli elementi necessari per costruire con le classi progetti e percorsi per la realizzazione di un prodotto audiovisivo utilizzando diverse tecniche.

“Tramite questi percorsi di formazione docenti ci proponiamo di favorire l’incontro degli studenti con le arti visive come occasione di maturazione della dialettica personale con l’immagine che accompagna il vivere quotidiano – spiega il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, Stefano Versari – Il cinema può costituire occasione intelligente di interpretazione della realtà, sia essa concreta o virtuale”.