Pubblicato il

Gruppo Il Capitello e Cambridge University Press, il 28 aprile un webinar dedicato ai docenti

Il 28 aprile alle ore 16.30 il gruppo editoriale Il Capitello, in collaborazione con Cambridge University Press, terrà un webinar dal titolo “Approaches to teaching“.

Nuovo appuntamento di una lunga serie, il webinar formativo è totalmente gratuito. “Approaches to teaching” è rivolto e pensato per tutti i docenti di scuola primaria che utilizzano materiali didattici Cambridge International.

Un momento di confronto e di dibattito per l’insegnamento della lingua inglese ai più giovani dei nostri studenti.

Per iscriversi, è necessario compilare il form a questo link. Le iscrizioni sono aperte fino a esaurimento posti.

Pubblicato il

Federica goes Coursera – i MOOC del Web Learning della Federico II sulla piattaforma mondiale di apprendimento online

sede centrale federico ii

Ora Federica Web Learning, il Centro per l’innovazione, la sperimentazione e la diffusione della didattica multimediale dell’Università di Napoli Federico II, leader in Europa per produzione di MOOC (Massive Open Online Courses), estende la sua offerta su Coursera, il principale provider a livello globale.La partnership è stata presentata ieri da Jeff Maggioncalda, CEO di Coursera, nell’ambito della Coursera Conference – Building a More Just World Together , una due giorni dedicata alla presentazione dei nuovi progetti Coursera e ad uno sguardo sulle opportunità educative online, arricchito dai punti di vista di numerosi e autorevoli speaker.

Coursera guida il mercato dei MOOC con oltre 77 milioni di learners nel mondo. Fondata nel 2012 dai docenti della Stanford University, Daphne Koller e Andrew Ng, propone percorsi educativi realizzati in collaborazione con le più prestigiose università e organizzazioni professionali internazionali: più di 200 le istituzioni e le aziende coinvolte di cui oltre 100 compaiono nella lista Fortune Global 500.

I primi corsi di Federica Web Learning su Coursera saranno rilasciati in lingua italiana e saranno tutti dedicati a temi di grande attualità e utilità, per affinare specifiche competenze chiave per le future realtà professionali.È possibile iscriversi già da oggi a Smart Working: Lavoro agile e Business English e alla Specialization Data Visualization: Analisi dei dati con Tableau (3 corsi).A partire dal prossimo mese sarà inoltre lanciata la Specialization Data Science con Python e R (3 corsi).

La nuova partnership internazionale di Federica Web Learning, oggi piattaforma leader in Europa per la didattica multimediale open access, già nella top ten mondiale per produzione di MOOC, con 350mila iscritti in Italia e nel mondo e oltre 2,5 milioni di sessioni di studio, consentirà di diffondere la didattica italiana più innovativa a una community internazionale.

Pubblicato il

Due federiciani per la seconda tappa del Convegno Stelline 2021

Esiste una “questione meridionale” anche per le biblioteche? Parte da questa domanda e si occuperà di analizzare le tendenze delle biblioteche pubbliche nel Sud Italia la seconda tappa del Convegno Stelline 2021, il principale evento nazionale di formazione e incontro dedicato ai bibliotecari, che si terrà in diretta streaming il 22 e 23 aprile 2021.

Nei due giorni di convegno, promosso da Associazione Biblioteche oggi e SHARE (Scholarly Heritage and Access to Research), con la collaborazione di AIB – Associazione Italiana Biblioteche, si affronteranno temi quali il miglioramento qualitativo, l’internazionalizzazione e l’ottimizzazione delle risorse delle biblioteche accademiche grazie agli strumenti e protocolli di condivisione. Una tavola rotonda sarà dedicata a un confronto tra editoria universitaria e servizi offerti dalle biblioteche e un’altra, a cura dell’AIB.

Tra i relatori del Convegno, Mauro Calise, professore ordinario di Scienza politica dell’Università degli studi di Napoli Federico II e direttore di Federica Weblearning, centro di ateneo per l’innovazione, la sperimentazione e la diffusione della didattica multimediale, la cui multipiattaforma federica.eu è leader in Europa per la didattica multimediale open access; Roberto Delle Donne, Professore ordinario di Storia medievale, Coordinatore di SHARE , la piattaforma di accesso ai servizi bibliotecari condivisi da 9 università, tutte del Sud Italia, e ripresa in ambito internazionale da istituzioni quali l’Università di Harvard; Paul Ayris, Pro-Vice Rettore dello University College di Londra e presidente del LIBER’s Citizen Science Working Group, che promuove la partecipazione di cittadini nelle attività di raccolta di dati e produzione di informazioni all’interno di una rete cui aderiscono circa 450 biblioteche di ricerca europee, nazionali, universitarie e di altro genere, in partnership con associazioni e organizzazioni in Europa e nel mondo.

Pubblicato il

“Star bene a scuola 4… ai tempi del Covid-19”, il convegno nazionale della Gilda

“Star bene a scuola 4… ai tempi del Covid-19. DAD, DDI, pandemia: scuola e stress lavoro correlato” è il titolo del convegno nazionale promosso dalla FGU- Gilda degli Insegnanti della Calabria, in collaborazione con il Centro Studi Nazionale della Gilda degli Insegnanti e l’Associazione Docenti Art.33, che si svolgerà online giovedì 8 aprile dalle ore 9 alle 14.

L’iniziativa, giunta alla quarta edizione, quest’anno è dedicata alle ricadute sui docenti in termini di burnout provocate dal ricorso alla DAD e alla DDI e dal conseguente stravolgimento delle condizioni di lavoro.

Parteciperanno: Vittorio Lodolo D’Oria, medico esperto in patologie professionali degli insegnanti; Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della FGU-Gilda Unams; Fabrizio Reberschegg, responsabile dell’Associazione Docenti Art. 33; Antonino Tindiglia, coordinatore regionale FGU-Gilda degli Insegnanti della Calabria; Gianluigi Dotti, responsabile del Centro Studi Nazionale Gilda; Deborah Lombardi, componente del direttivo della Gilda di Firenze; Giuseppe Candido, componente del direttivo regionale FGU-Gilda Unams della Calabria.

Il convegno è riconosciuto come attività di aggiornamento.

Pubblicato il

In Veneto Garanzia Giovani resiste al Covid

‘Garanzia Giovani Veneto’ supera la soglia dei 100mila iscritti che hanno beneficiato di una opportunità di lavoro dopo l’adesione al programma. Questo recita il numero dei “tuttora occupati” aderenti al programma che emerge dal report trimestrale di monitoraggio realizzato da Regione del Veneto e Veneto Lavoro, che presenta dati aggiornati al 31 dicembre 2020, anche se una leggera flessione rispetto alle scorse annualità c’è ed è giustificata secondo gli analisti dalla pandemia da Covid-19.

“Le adesioni sono state complessivamente 14.250, il 26% in meno rispetto al 2019 i patti di servizio stipulati dai Centri per l’impiego della regione circa 9.000 (-37%): segno di una depressione economica ma anche psicologica di coloro che cercano lavoro. La maggior parte dei giovani ha trovato lavoro nei settori del turismo, dell’industria metalmeccanica e del commercio, inizialmente con contratti a tempo determinato o di apprendistato, molti risultano tuttora occupati, con una percentuale crescente di contratti a tempo indeterminato”, così all’Adnkronos l’assessore regionale al Lavoro del Veneto Elena Donazzan.

Secondo i rapporti, al calo hanno contribuito tra gli altri fattori le difficoltà del mercato del lavoro, la chiusura degli uffici pubblici e le limitazioni imposte in occasione del primo lockdown, oltre alla sfiducia dei giovani nella possibilità di trovare un impiego, che riduce la propensione alla ricerca attiva di lavoro. Il Veneto resta, comunque, tra le prime regioni in Italia per efficacia nella presa in carico con il 99% delle adesioni valide che si traduce nella stipula del patto di servizio, necessario per poter usufruire delle attività previste dal programma, con un tempo medio di 6 giorni tra l’adesione e la stipula.

Pubblicato il

Seminari Anief rivolti ai docenti: i prossimi appuntamenti

Si stanno svolgendo i cento seminari Anief sulla Legislazione scolastica: si tengono sulla piattaforma multimediale Teams e si protrarranno fino ad aprile. A ogni incontro interviene il presidente nazionale del sindacato, Marcello Pacifico. Gli argomenti che verranno trattati sono: reclutamento, organici, mobilità, sicurezza, Ddi e lavoro agile, pensioni, sostegno. Il seminario è rivolto a tutto il personale della scuola e i partecipanti hanno diritto all’esonero dal servizio ai sensi della normativa vigente. 

Per prenotare l’adesione basta inviare una e-mail all’indirizzo seminari.legislazione@anief.net. Si ricorda che è possibile partecipare anche in orario di servizio; il permesso è valido per l’intera giornata e bisogna presentarlo al dirigente scolastico 5 giorni prima del seminario. Al seguente link è possibile visionare l’intero calendario con i seminari che toccheranno tutte le province d’Italia. 

Di seguito i seminari che si svolgeranno tra il 29 e il 31 marzo 2021. Si invita il personale interessato a inviare al più presto il permesso al proprio dirigente scolastico.

Lunedì 29 marzo  

TRIESTE/GORIZIA29/03/20219.00 – 11.00Marcello Pacifico, Ettore Michelazzi
BOLOGNA/FERRARA29/03/202111.00 – 13.00Marcello Pacifico, Fracesco Carbone

Martedì 30 marzo

IMPERIA/SAVONA/GENOVA/LA SPEZIA30/03/20219.00 – 11.00Marcello Pacifico, Maria Guarino, Andrea Parenti
ANCONA/PESARO30/03/202111.00 – 13.00Marcello Pacifico, Rodrigo Verticelli, Francesca Marcone, Anna Maria Cianci

Mercoledì 31 marzo

CAMPOBASSO/ISERNIA31/03/20219.00 – 11.00Marcello Pacifico, Stefano Cavallini
CAGLIARI31/03/202111.00 – 13.00Marcello Pacifico, Gian Mauro Nonnis
Pubblicato il

Il Goethe e Lalineascritta in un’iniziativa online per promuovere la conoscenza della letteratura tedesca

Dal 29 marzo al 31 maggio 2021 ogni lunedì sulla pagina Facebook del Goethe-Institut Neapel il progetto di critica letteraria digitale “Ti dico un libro”, promosso dal Goethe-Institut Neapel con Lalineascritta Laboratori di Scrittura. Pagina Facebook Goethe – Institut Neapel: https://www.facebook.com/GoetheInstitutNeapel

Dieci libri, per dieci lettori, allievi de Lalineascritta Laboratori di Scrittura cui il Goethe-Institut di Napoli ha affidato dieci video recensioni per far conoscere dieci autori della letteratura tedesca, otto contemporanei e due classici, Mann e Brecht.

Il progetto di critica letteraria, dedicato all’amicizia tra i nostri Paesi, nasce in occasione del 60° anniversario del Goethe-Institut di Napoli: tutto il meglio della narrativa tedesca contemporanea selezionato dal Goethe- Institut, diretto da Maria Carmen Morese, e recensito in video dagli allievi di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, una delle più antiche scuole di scrittura d’Italia, nata a Napoli nel 1993 e diretto dalla scrittrice Antonella Cilento. Non è un caso che la rinnovata passione per il libro veda Lalineascritta impegnata, in collaborazione con l’Università Suor Orsola Benincasa, nel primo master del Sud Italia  dedicato ai mestieri della scrittura e dell’editoria. 

“Scopriremo insieme – spiegano gli organizzatori – come è cambiata la Germania raccontata dagli autori di lingua tedesca negli ultimi due anni. Ci immergeremo in avvincenti storie familiari – in città o in campagna – in destini di migrazione, in ambienti perturbanti, collocati in un futuro lontano, eppure molto vicino a noi. Ma quindi è vero che i giovani leggono di meno? Da una ricerca condotta a Napoli abbiamo rilevato che molti giovani – e anche meno giovani – affollano le aule (in questo momento virtuali) dei corsi di scrittura. Nonostante la pandemia il numero di lettori forti non è calato. Perché la letteratura ci affascina come, anzi più di prima? Come descrivono gli autori la società del presente? Quali sono i temi che si intersecano nella letteratura in un confronto tra il Nord e il Sud Europa?”. Lo scopriremo con “Ti dico un libro”.

Pubblicato il

La Fondazione Feltrinelli promuove 3 masterclass sull’educazione alla cittadinanza scientifica

Da marzo a maggio 2021, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli promuove “StoryScience. Le vite e le avventure che accompagnano le ricerche scientifiche“, un’offerta sull’educazione alla cittadinanza scientifica per le classi delle scuole secondarie. L’utente può scegliere se partecipare solo alle masterclass o anche al percorso di ricerca-azione insieme a ricercatori e scienziati.

“In questo momento di ritorno alla didattica a distanza e di chiusura delle aule, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli nell’ambito della propria Scuola di Cittadinanza Europea ritiene importante continuare a proporre alle ragazze e ai ragazzi occasioni di relazione e confronto diretto con esperti e professionisti su argomenti al tempo stesso stimolanti e di attualità, anche in un’ottica di orientamento formativo futuro”, spiega la fondazione in una nota stampa.

“Che gli esiti della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica siano fra i più rilevanti fattori di miglioramento della qualità di vita delle persone, è un fatto ormai appurato. La scienza dovrebbe essere parte della nostra cultura condivisa, non rimanendo a vantaggio di pochi ma a servizio della collettività: questa una delle sfide principali di cui parleremo con i protagonisti degli incontri. Le attività scientifiche sono fatte di laboratori, strumenti, formule e tecnologie, ma dietro tutto questo ci sono gli scienziati, donne e uomini che hanno deciso di dedicare la loro vita a qualcosa di speciale: la ricerca“.

Chi sono le persone che si occupano di ricerca? Cosa li spinge a dedicare la propria vita alla scienza? Quali sono le avventure e gli ostacoli dell’essere ricercatore? Come nasce una scoperta scientifica? Chiunque può ambire a diventare uno scienziato? E se sì… qual è la formula?

Per rispondere a queste domande Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, in collaborazione con Human Technopole e Arexpo, propone tre digital masterclass con scienziate e scienziati che hanno dato un contributo importante alla ricerca (biologia, genomica, patologia, farmaceutica, medicina…) e un percorso di ricerca-azione.

Tra gli ospiti Alessandra Stella, primo ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche e Mario Rasetti, fisico, esperto di data science

Le masterclass (online su Zoom) si svolgono tra marzo e aprile e possono essere seguite a distanza dagli studenti e dai loro insegnanti. È possibile partecipare a uno o più incontri. L’iscrizione è a carico dei docenti: sarà necessario indicare la numerosità della classe e lasciare un recapito telefonico per essere eventualmente ricontattati.

I docenti interessati a iscrivere le proprie classi al percorso partecipato possono contattare la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli all’indirizzo formazione@fondazionefeltrinelli.it. Ulteriori informazioni a questo link.

Pubblicato il

Raffaello, webinar “Leggere con i bambini”

Oggi 26 febbraio 2021, a partire dalle 17.30 e per un’ora, la casa editrice Raffaello, specializzata in libri didattici, terrà un webinar sull’importanza della lettura ad alta voce nella Scuola dell’Infanzia, come base pedagogica dell’insegnamento e fondamento della progettazione.

L’incontro è legato a “Storie e filastrocche”.

Webinar Raffaello, per partecipare

Per partecipare al webinar è necessaria l’iscrizione, che vi permetterà di ricevere il link di accesso. Per iscriverti clicca qui.

Pubblicato il

La Gilda rilancia la proposta dei “brevi periodi sabbatici” per la formazione degli insegnanti

“La professionalità di un docente non è valutabile unicamente in base alla metodologia didattica utilizzata. Quest’ultima, infatti, costituisce soltanto uno strumento che l’insegnante, nell’esercizio libero della sua funzione, come sancito dall’articolo 33 della Costituzione, sceglie di adottare. Certamente la formazione professionale è un fattore importante, ma bisogna costruire le condizioni affinché gli insegnanti possano dedicarsi all’aggiornamento in maniera seria e costruttiva. È con questo obiettivo che da anni proponiamo l’istituzione di brevi periodi sabbatici per la formazione degli insegnanti. La formazione, in ogni caso, deve essere sempre riconosciuta adeguatamente a livello stipendiale nel contratto e non può essere imposta senza esonero dal servizio”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta la ricerca condotta dalla Fondazione Agnelli e dall’Invalsi in 207 istituti comprensivi su un campione di 1600 docenti di scuola primaria e secondaria di primo grado.

Rino di Meglio
Il coordinatore della Gilda degli Insegnanti Rino Di Meglio

Oltre alla necessità di investire seriamente sulla formazione, il coordinatore nazionale della Gilda sottolinea l’esigenza di disporre di soggetti con le competenze giuste per analizzare e valutare l’attività degli insegnanti: “Abbiamo sempre sostenuto di essere favorevoli alla valutazione, ma a condizione che i valutatori siano professionisti dell’insegnamento e non burocrati”, conclude Di Meglio.