Pubblicato il Lascia un commento

Via libera in Cdm a 112.473 assunzioni di docenti

Il Consiglio dei Ministri del 29 luglio, su proposta del Ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta e del Ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, ha approvato l’autorizzazione al Ministero dell’Istruzione ad assumere, a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili, per l’anno scolastico 2021/2022 un numero pari a 112.473 unità di personale docente.

Pubblicato il Lascia un commento

Il piano Bianchi per il rientro in presenza a settembre

“Il Ministero è da tempo al lavoro per il rientro a settembre in presenza e in sicurezza”. Lo dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, attraverso una nota stampa che riportiamo.

“È un obiettivo che il Governo ha perseguito sin dal proprio insediamento. Già negli scorsi mesi, quando abbiamo affrontato la seconda ondata pandemica abbiamo comunque voluto che le bambine e i bambini della primaria potessero andare a scuola in presenza. E abbiamo ridotto al minimo l’utilizzo della formazione a distanza per tutti gli altri – sottolinea il Ministro Bianchi. L’impegno in questa direzione è testimoniato anche dalle risorse stanziate nei recenti provvedimenti del Governo: 1,680 miliardi in totale per il rientro in sicurezza a settembre”.

“Allo stesso tempo prosegue la campagna vaccinale, con priorità al personale scolastico. È importante che venga fatto ogni sforzo per raggiungere la più alta copertura possibile, in modo da garantire una maggiore sicurezza a tutte e tutti al rientro. La vaccinazione è un atto di responsabilità collettiva”, conclude il Ministro.

Nella nota stampa si tirano anche le somme degli investimenti. Con il primo Decreto Sostegni, si legge, sono stati assegnati alle scuole 150 milioni di euro per garantire lo svolgimento della didattica in sicurezza, e altri 150 milioni per il potenziamento delle competenze e il recupero della socialità. Con il Decreto Sostegni bis, gli istituti statali potranno contare su 350 milioni per garantire la sicurezza negli ambienti scolastici. Per gli stessi fini, 60 milioni sono destinati alle scuole paritarie. Gli Enti locali disporranno di 70 milioni, oltre a quelli eventualmente non spesi lo scorso anno, per l’affitto di locali e il noleggio di strutture temporanee per aumentare il numero di spazi dedicati alla didattica.

Sono stati inoltre stanziati 400 milioni per attivare ulteriori incarichi temporanei di personale ATA e docente, in particolare per il recupero degli apprendimenti. Sul trasporto scolastico, prosegue il lavoro dei tavoli prefettizi di coordinamento ed è costante il raccordo con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile. Sempre nel Decreto Sostegni bis sono previsti 450 milioni per potenziare i servizi aggiuntivi di trasporto scolastico. Le scuole potranno inoltre accedere al fondo di 50 milioni destinato a finanziare anche i piani per gli spostamenti casa-scuola-casa del personale scolastico e degli studenti.

Pubblicato il Lascia un commento

Diventare dirigente scolastico

Per diventare dirigente scolastico occorre superare un corso-concorso selettivo di formazione bandito dal Miur.
Al corso-concorso può partecipare il personale docente ed educativo delle istituzioni scolastiche ed educative statali

  • assunto con contratto a tempo indeterminato
  • confermato in ruolo secondo quanto previsto dalla normativa vigente
  • in possesso del diploma di laurea magistrale, specialistica ovvero di laurea conseguita in base al previgente ordinamento, oppure di diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica ovvero di diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore
  • che abbia effettivamente reso, nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione, un servizio di almeno cinque anni.

Requisito di anzianità
Per il riconoscimento dei dei cinque anni di anzianità, sono considerati validi:

  • i servizi effettivamente prestati anche se maturati prima dell’immissione in ruolo, purché al momento della partecipazione al concorso vi sia già stata la conferma in ruolo
  • i servizi valutabili a tutti gli effetti come servizio di preruolo nelle scuole paritarie che abbiano avuto riconoscimento con la Legge 62 del 10 marzo 2000.

Il servizio di insegnamento si intende prestato per un anno intero se ha avuto la durata di almeno centottanta giorni o se sia stato prestato ininterrottamente dal primo febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale.

Inquadramento e compiti
I dirigenti scolastici sono inquadrati in ruoli di dimensione regionale.
Assicurano la gestione unitaria delle istituzioni scolastiche e rappresentano legalmente l’istituzione che dirigono.
Rispondono della gestione delle risorse finanziarie, strumentali e umane e dei risultati deI servizio. Hanno autonomi poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane. Organizzano l’attività scolastica secondo criteri di efficienza ed efficacia formative e sono titolari titolari delle relazioni sindacali.
Adottano provvedimenti di gestione delle risorse e del personale.
Assicurano, inoltre,

  • la qualità della formazione
  • la collaborazione culturale, professionale, sociale ed economicha del territorio
  • l’esercizio della libertà di insegnamento, intesa anche come libertà di ricerca e innovazione metodologica e didattica
  • l’esercizio della libertà di scelta educativa delle famiglie e il diritto all’apprendimento degli alunni.
Pubblicato il Lascia un commento

G20 Istruzione, la Gilda: “Ok importanza lotta alla povertà educativa, ma assimilare percorsi abilitativi UE”

Rino di Meglio

“Le dichiarazioni dei ministri dell’Istruzione del G20 sull’importanza della lotta alla povertà educativa, che soprattutto nel nostro Mezzogiorno raggiunge livelli inaccettabili, ci trova pienamente d’accordo. Ci auguriamo che in futuro il dialogo, in particolare tra i ministri dell’Istruzione dell’Unione europea, riesca a entrare nel merito di alcune questioni secondo noi cruciali come quella delle abilitazioni”.

Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che ricorda come la normativa europea preveda il riconoscimento e la spendibilità reciproca in ogni Paese Ue di tutte le abilitazioni professionali, compresa quella all’insegnamento.

“Sarebbe opportuno – dichiara Di Meglio – che si riuscisse ad assimilare quanto più possibile i percorsi abilitativi che oggi sono estremamente differenti, provocando in qualche caso la migrazione verso i Paesi dove sono più brevi e semplici. Se vogliamo davvero essere sempre più europei – conclude il coordinatore nazionale della Gilda – è necessario che i governi affrontino anche questa problematiche”.

Pubblicato il Lascia un commento

Concorso ordinario 2020, arriva il ricorso Anief

Il sindacato Anief impugna il DM n. 826/21 di rettifica del bando del concorso ordinario docenti 2020 per le discipline Stem (classi di concorso A020, A026, A027, A028 e A041), principalmente nella parte in cui non riapre i termini per la partecipazione a tutti i candidati con i titoli d’accesso validi, viste le modifiche intercorse del numero dei posti e dello svolgimento delle prove. Lo riporta Adnkronos.

Per aderire all’iniziativa legale, entro il 30 giugno, bisogna inviare lavoro domanda cartacea all’ufficio scolastico della regione di proprio interesse. Adesioni al ricorso aperte fino al 30 giugno.

Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, “le numerose modifiche al bando, a partire dall’aumento dei posti disponibili e dalla modifica dello svolgimento delle prove, rendono necessaria la riapertura dei termini a beneficio di chi non ha potuto presentare domanda nel 2020 e vuole farlo adesso. D’altronde lo stesso bando prevede la possibilità di poter partecipare alle prove scritte anche in date non simultanee, ragion per cui in caso di accoglimento del ricorso, il ministero sarebbe costretto a prevedere ulteriori sessioni dopo quelle previste per la prima settimana di luglio al fine di assegnare 6129 posti, il doppio di quelli originariamente banditi”, conclude.

Pubblicato il

Bucalo e Frassinetti (FdI) contro Bianchi: scuola “vicino alla perfezione” una fantasia

sede Miur Trastevere Roma

“Al G20 di Catania, il Ministro Bianchi ha parlato di una scuola vicina alla perfezione, tranne che per il trasporto degli studenti, che limiterebbe la loro presenza in classe e la sicurezza. Ci spiace disilludere il rappresentante del Governo ma la Scuola necessita di tanto altro”. Duro l’affondo di Fratelli d’Italia attraverso Ella Bucalo e Paola Frassinetti, responsabili dei Dipartimenti Scuola e Istruzione.

“Il Ministro – continuano le due onorevoli – si faccia un giro nelle scuole italiane veda con i suoi occhi le ‘classi pollaio’, e capirà che non sono solo i trasporti l’unica carenza, ma soprattutto l’organico. Un organico per la cui ‘messa a punto’ basterebbe la stabilizzazione dei precari che un giorno sì e uno no, scendono in piazza”.

“Ma saranno piazze, anche quelle come le aule scolastiche assiepate, lontane dagli occhi del ministro Bianchi – rincarano la dose – Lui che continua a parlare di bassa natalità senza aver mai fatto nulla per eliminare provvedimenti lesivi dei diritti sulla famiglia- ne è prova la negata assegnazione provvisoria o la mobilità straordinaria ai docenti – verifichi in prima persona le vere pecche della scuola”.

Pubblicato il

Concorsi scuola, c’è il protocollo per lo svolgimento delle prove. Sintesi e considerazioni della FLC Cgil

flc cgil logo

Nelle scorse ore è stato pubblicato il protocollo sulle modalità di svolgimento in sicurezza dei concorsi per il personale scolastico (art. 59, c. 20 DL 73/2021). Lo ricorda la

Le disposizioni regolamentano:

  • requisiti dell’area e delle aule concorsuali con la previsione di una fascia di protezione individuale che permetta il distanziamento interpersonale di almeno un metro e la disponibilità di un locale autonomo per accogliere ed eventualmente isolare i soggetti sintomatici;
  • l’organizzazione dell’accesso, della seduta e dell’uscita dei candidati con le prescrizioni dirette a prevenire e a contenere il diffondersi del contagio dal virus COVID-19: igienizzarsi frequentemente le mani, indossare obbligatoriamente, a pena di esclusione dalla procedura concorsuale, le mascherine FFP2 (non consentite le mascherine chirurgiche e di comunità), non presentarsi se sottoposti a quarantena o isolamento fiduciario o se affetti da uno o più sintomi riconducibili al virus COVID-19, sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea, presentare un referto relativo a test antigenico rapido o molecolare, effettuato in data non antecedente a 48 ore o un certificato vaccinale che attesti il completamento del percorso di vaccinazione. Sarà, pertanto, necessario produrre un’apposita autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000. I candidati dovranno compilare l’apposito modulo, scaricabile dal sito web del Ministero nella sezione dedicata alla specifica procedura concorsuale;
  • le misure di sicurezza per la commissione, per il comitato di vigilanza e per il personale presente nell’aula concorsuale;
  • gli adempimenti dei responsabili dell’aree concorsuali che provvederanno ad attrezzare le postazioni e tutte le aree dei necessari dispositivi (termoscanner o termometro manuale, mascherine FFP2 per i candidati, per la commissione, per il personale di vigilanza e per tutte le figure presenti all’interno dell’area concorsuale, penne monouso per i candidati, dispenser di gel igienizzante). Sarà cura dei responsabili delle aree concorsuali, inoltre, individuare ed allestire un apposito locale dedicato all’accoglienza e all’isolamento dei soggetti che presentano sintomi riconducibili al virus COVID-19, garantire l’aerazione di tutti i locali, oltre alla pulizia e disinfezione giornaliera dell’area concorsuale ed, infine, provvedere al coinvolgimento delle autorità sanitarie locali, sia per il dettaglio delle misure da adottare negli specifici contesti, sia per il controllo dell’applicazione di tali misure;
  • il piano operativo specifico della procedura concorsuale che dovrà essere pubblicato sul sito web dell’Ufficio scolastico regionale dedicato entro tre giorni precedenti lo svolgimento della prova.

Permangono per il sindacato alcune criticità:

  • la sanzione dell’esclusione dalla procedura per i candidati che togliessero per qualsiasi motivo la mascherina;
  • lmancanza di moduli cartacei per le autodichiarazioni da mettere a disposizione dei candidati;
  • la mancata previsione di prove suppletive per i candidati che dovessero essere sottoposti a quarantena o isolamento fiduciario o manifestare sintomatologia riconducibile al virus COVID-19.
Pubblicato il

La Gilda torna sulle classi pollaio dopo le dichiarazioni di Bianchi: “Cortina di fumo attorno al problema”

Rino di Meglio

“Pensare di risolvere l’annosa questione delle classi pollaio ripensando l’attuale modello della classe, che andrebbe superato per fare largo a una diversa organizzazione, significa creare soltanto una cortina fumogena intorno al problema”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, interviene in merito alle dichiarazioni rese dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante un videoforum di Repubblica.it.

“Vale la pena ricordare al ministro – afferma Di Meglio – che l’organizzazione delle lezioni per gruppi o gruppi di livello è una metodologia nota agli insegnanti da 40 anni e, in ogni caso, si tratta di una scelta didattica che rientra nella libertà di insegnamento sancita dalla Costituzione. Forse è anche opportuno rammentare uno dei capisaldi dell’aritmetica, la proprietà invariantiva secondo cui in una sottrazione, se aggiungiamo o togliamo la stessa quantità al minuendo e al sottraendo, il risultato finale (cioè, la differenza) non cambia. Non è, dunque, distribuendo gli alunni in classi o gruppi che si può ridurne il numero affidato ai docenti, ma – conclude il coordinatore nazionale – soltanto aumentando gli organici e gli spazi dove svolgere le lezioni, come la Gilda ha sempre sostenuto e chiesto con forza al ministero”.

Pubblicato il

Il 22 giugno a Catania la Riunione Ministeriale Istruzione G20

Quale è stato l’impatto dell’emergenza sanitaria sui sistemi d’istruzione? Quale sarà il futuro della scuola e, soprattutto, terrà conto delle esperienze maturate nei mesi della pandemia? Sarà possibile strutturare percorsi più agevoli di transizione dalla scuola al mondo del lavoro? Saranno questi alcuni dei temi che verranno affrontati il prossimo 22 giugno, a Catania, nel corso della Riunione Ministeriale dedicata all’Istruzione, nell’ambito della Presidenza italiana del G20. Sarà il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, a presiedere i lavori.

Durante la Sessione Ministeriale Istruzione, che si terrà a partire dalle 10.30 al Monastero dei Benedettini, i Ministri dell’Istruzione del G20 avranno l’opportunità di condividere interventi e strategie messi in campo durante l’emergenza pandemica, per favorire una maggiore resilienza dei sistemi di Istruzione, garantendo a ogni studentessa e a ogni studente un’educazione di qualità, con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno.

A seguire, nel pomeriggio, dalle 14.30 i Ministri dell’Istruzione e del Lavoro si riuniranno in sessione congiunta per affrontare il tema della transizione dall’istruzione al lavoro, con particolare attenzione ai giovani, alle donne e ai gruppi vulnerabili.

La Riunione Ministeriale Istruzione si concluderà con una conferenza stampa con le dichiarazioni del Ministro Patrizio Bianchi, nell’Auditorium del Monastero dei Benedettini a partire dalle 17.20.

Pubblicato il

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2021/2022, FLC Cgil: “Positive aperture ampliano la platea dei destinatari”

flc cgil logo

L’incontro in videoconferenza che ha aggiornato la discussione sulle prossime operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria del personale docente, educativo e ATA, si è svolto “in un clima di maggiore condivisione rispetto a quanto prospettato nella riunione del 10 giugno 2021“. Lo afferma in una nota stampa la FLC Cgil.

“Nei contenuti rivisti della nota, il ministero ha acquisito diverse richieste di modifica e di integrazione che come FLC CGIL abbiamo posto: l’esito è una soddisfacente apertura su punti di tutela importanti, ma anche una maggiore definizione di alcuni passaggi che avrebbero costituito interpretazioni ambigue. Sono state superate le posizioni iniziali che tendevano ad escludere dai movimenti alcune categorie di destinatari, a sostegno delle quali abbiamo rappresentato istanze forti e motivate”, spiega il Sindacato.

Se in possesso dei requisiti previsti dal CCNI partecipano alle operazioni, oltre a tutto i personale già destinatario, anche:

  • i docenti del DDG 85/2018 immessi in ruolo nel 2019/2020 come già lo scorso anno
  • i DSGA neo-assunti 1 settembre 2020
  • il personale ATA ex LSU transitato a tempo pieno trasferito d’ufficio soprannumerario e/o in esubero.

In deroga al vincolo triennale accedono i docenti beneficiari di garanzie di legge:

  • genitori con figli minori di tre anni legge 151/2001 art.42 bis
  • coniuge convivente di militare trasferito d’autorità legge 266/1999.

Ancora non definitivo ma in via di accoglimento la deroga sull’assegnazione provvisoria per i docenti con legge 104/92 art.33 commi 3 e 6.

“Il nucleo di contrasto – spiega la FLC Cgil – è rimasto quello in merito all’applicazione del vincolo di permanenza per i neo-assunti dal 1 settembre 2020, sul quale il capo dipartimento ha ribadito la non-fattibilità di un intervento in conflitto con le disposizioni di legge che, su questo aspetto, sono puntuali ed esplicite. Da parte nostra c’è stata la massima insistenza per sollecitare una soluzione al blocco, anche transitoria, tale da consentire, a tutti e senza distinzione, la facoltà di presentare domanda di assegnazione provvisoria. A fronte del rigore dell’amministrazione, da un lato confermiamo il nostro impegno insieme alla CGIL affinché siano accolti gli emendamenti al DL sostegni-bis in fase di conversione e dall’altro daremo tutela legale agli iscritti danneggiati dall’esclusione”.  

“La nota, di cui non conosciamo ancora il testo definitivo, verrà pubblicata a breve e il periodo utile alle operazioni per i docenti si collocherà verosimilmente dal 15 giugno al 5 luglio 2021, termini sui quali il ministero non ha voluto recedere per non sforare il cronoprogramma concordato per il regolare avvio dell’anno scolastico”, conclude.