Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

Nel corso della Conferenza Unificata dell’ANCI, il Sindaco di Livorno e vicepresidente ANCI Filippo Nogarin ha affondato il colpo sul tema dell’edilizia scolastica e sull’attuale situazione – ivi comprese le messe in sicurezza.

Filippo Nogarin vicepresidente Anci Sindaco Livorno
Filippo Nogarin (foto: WikiCommons)

“Apprezziamo – spiega Nogarin – l’avvio di un percorso nuovo sul tema dell’edilizia scolastica, che parte da un monitoraggio di tre anni sullo stato delle strutture annunciato oggi dal ministro dell’Istruzione. Tuttavia  abbiamo evidenziato, come ANCI, che i sindaci non vogliono restare ancora una volta con il cerino in mano, laddove ci fossero profili di vulnerabilità delle scuole. Se monitoriamo e troviamo scuole insicure dobbiamo disporre di risorse per intervenire e renderle sicure”.

Parole chiare, che non lasciano spazio ad una negoziazione in cui a pagarne il prezzo sarebbero gli alunni e il personale docente.

“Senza risorse – ha detto Nogarin al termine della riunione – i sindaci rischiano l’ennesima beffa, per questo ci aspettiamo risposte concrete. La maggior parte degli edifici scolastici – ha ricordato il sindaco di Livorno – è stata costruita prima del 1976 e sono più di trent’anni che in questa nazione si scaricano sempre sui sindaci le responsabilità. Siamo sempre al centro delle attenzioni delle procure per il terremoto, l’alluvione o il crollo di turno. Servono perciò risposte – ha concluso Nogarin – anche per i genitori che in queste strutture mandano i propri figli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X