Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

In duecentomila collaboratori scolastici, assistenti tecnici e amministrativi si pongono questa domanda. Per Anief, in effetti, nella maggior parte dei casi si tratta di un rischio inutile e per questa ragione il sindacato ne aveva chiesto la chiusura. Uno spreco, un problema in più se non si programmano attività formative a distanza, specialmente per chi ha figli a casa. Un costo in più per l’utenza e bisogna rimanere vigili sulle raccomandazioni date dal governo nei luoghi di accesso al pubblico

In molti, tra il personale ATA, il perché di questa scelta: per sanificare o disinfettare, non è loro compito e comunque sarebbe bastato un giorno; per garantire la didattica a distanza, ma in pochi istituti sarà possibile; per prestare assistenza al pubblico, tuttavia, non verrà nessuno e se dovesse venire sarà tenuto almeno a un metro di distanza (lettera d, allegato 1, Raccomandazioni PDCM 4 marzo 2020). Cui prodest se poi anch’essi dovranno accudire i propri figli a casa? Ecco perché Anief ritiene questo provvedimento ingiusto verso una categoria di lavoratori che continua a non essere tenuta in debita considerazione. Gli istituti dovevano rimanere chiusi per tutti e il prossimo contratto collettivo nazionale ne dovrà prendere atto senza più discriminare il personale ATA ogni qual volta risulti necessario sospendere l’attività didattica.

ANIEF invita tutto il personale ATA a porre in atto ogni azione volta a salvaguardare la propria salute e la propria incolumità, seguendo scrupolosamente le indicazioni del Consiglio Superiore della Sanità e segnalando eventuali comportamenti scorretti o contrari alla normativa richiamata.

X