insegnanti docenti immissione in graduatoria

DDL Granato, ecco cosa cambia

Lavoro, Governo e sindacati

Dopo l’annuncio via Facebook della senatrice 5 stelle Bianca Laura Granato sulle modifiche al disegno di legge 763, proviamo a fare un po’ di chiarezza:

Cosa cambia

Rispetto all’originario disegno di legge le modifiche riguardano:

  • l’abolizione della misura secondo cui il dirigente deve acquisire la disponibilità del docente, assunto precedentemente alla legge 107/2015, prima di assegnarlo su posto di potenziamento;
  • l’abolizione della della misura secondo cui per l’utilizzo dei docenti nelle reti di scuole si deve acquisire la disponibilità dell’insegnante.

In altre parole, viene sostituito il comma 66, che nella nuova formulazione così recita:

  • “A decorrere dall’anno scolastico 2019/2020 i ruoli del personale docente sono regionali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto”.

Tale comma nella versione definitiva del ddl non prevede più i ruoli ragionali ma li riconduce a livello provinciale: “A decorrere dall’anno scolastico 2019/2020 i ruoli del personale docente sono provinciali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto”.

bianca laura granato m5s
La senatrice del M5S Bianca Laura Granato (foto: Facebook)

Il testo

Dopo il comma 73 viene aggiunto il comma 73- bis, che recita: “il personale docente titolare su ambito territoriale alla data del 31 agosto 2019 assume la titolarità presso una delle istituzioni scolastiche in cui ha prestato servizio negli ultimi tre anni scolastici. Al personale docente che alla medesima data non si trova a prestare servizio in una istituzione scolastica appartenente all’ambito di titolarità è assegnata d’ufficio la titolarità presso una delle istituzioni scolastiche del predetto ambito. Dall’anno scolastico 2019/2020 il personale docente è assegnato alle istituzioni scolastiche secondo i criteri di cui al comma 68”.

Docenti titolari di ambito

Alla data del 31 agosto 2019, dunque, i docenti titolari di ambito assumeranno la titolarità in una delle scuole in cui hanno prestato servizio negli ultimi tre anni scolastici.

I docenti in servizio in un ambito di diverso da quello di titolarità, invece, avranno assegnata la titolarità in una scuola del predetto ambito (di titolarità).

Tale comma, nella versione definitiva, prevede che la titolarità su scuola venga attribuita dal 1° settembre 2018, quindi in maniera retroattiva: “Il personale docente titolare su ambito territoriale alla data del 1° settembre 2018 assume la titolarità presso l’istituzione scolastica che gli ha conferito l’incarico triennale”.

Precedentemente, il ddl aveva fissato al 31 agosto 2019 la data di attribuzione della titolarità su scuola.

Ruoli provinciali

Il comma 66 della legge 107/2015 è stato riscritto nel ddl che lasciava regionali i ruoli del personale docente. Nella versione definitiva i predetti ruoli ritornano ad essere provinciali: “A decorrere dall’anno scolastico 2019/2020 i ruoli del personale docente sono provinciali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto”.