Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

Tra i primi a lanciare quest’anno l’allarme c’è l’Ugl di Matera: anche quest’anno la spesa per l’inizio anno scolastico è in aumento e graverà in maniera importante sui bilanci familiari. La denuncia porta la firma di Domenico Giordano, segretario provinciale Ugl della città dei Sassi. “Senza interventi – afferma – si spenderanno 200 euro in più”.

Cosa preoccupa di più?

Quel che maggiormente preoccupa le famiglie è sicuramente l’acquisto dei libri. Seguono a ruota l’acquisto di cancelleria e accessori e il sempreverde problema dell’abbonamento per i trasporti pubblici.

“Fino a 800 euro di spesa per il primo anno di liceo”

Secondo le stime dell’Ugl, per il solo acquisto di “libri e dizionari” chi si iscrive al primo anno di liceo arriva a spendere mediamente 799 euro. Una cifra assolutamente fuori contesto che va esattamente nel senso opposto del garantire a tutti il libero accesso e il diritto all’istruzione.

Come risparmiare?

Eppure, non ci sarebbe bisogno di grandissimi accorgimenti per poter risparmiare, e anche parecchio.

  • Tablet e e-reader: il costo medio di un libro in formato digitale è sempre inferiore a quello cartaceo. Non solo, ma ammortizzerebbe e di parecchio anche gli arcinoti problemi di trasporto di libri pesanti negli zainetti. In Italia una cultura in tal senso non è ancora molto diffusa, anche perché si tende a pensare ai tablet come strumenti costosi riferendosi solo agli arcinoti Galaxy Tab e iPad. Mentre invece esiste un mondo intero di tablet economici e di dispositivi digitali che servono solo per la lettura (e-reader, appunto), in vendita anche online. Laddove possibile, non sarebbe una cattiva idea spingersi, in sinergia con la scuola, a cercare una soluzione in questa direzione.
  • Libri usati: come sempre, un giro tra bancarelle permette di trovare a un prezzo degno di nota volumi altrimenti più cari. Prima dell’inizio dell’anno scolastico, provate a farvi – lista alla mano – una passeggiata tra librerie.
  • Cancelleria e accessori: anche in questo caso, spesso la distribuzione al dettaglio è eccessivamente più cara dei prezzi medi che si trovano online. Muovendovi con anticipo rispetto all’inizio dell’anno scolastico potete confrontare i prezzi al dettaglio con quelli di zainetti scuola su internet o altra cancelleria e, eventualmente, ordinare in tempo utile per l’avvio della nuova stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X