Marco Bussetti Miur Ministro

Stabilizzare i docenti precari, la nuova linea di Bussetti

Concorsi Lavoro, Governo e sindacati

Marco Bussetti cambia obiettivi. In un’intervista a Sky Tg24, il responsabile del dicastero dell’Istruzione annuncia che da oggi il suo lavoro sarà caratterizzato dal “reperimento dei fondi necessari” all’assunzione dei docenti.

“Andremo a richiedere – afferma Bussetti all’all-news – le risorse necessarie perché dobbiamo stabilizzare i docenti, ridare ordine al sistema scuola e valorizzare la figura di tutti i nostri operatori scolastici per offrire un servizio di sempre maggiore qualità per studenti e famiglie”. Una sorta di inversione se non a 180 gradi, quasi.

La replica di ANIEF

In una nota stampa Anief si dice in accordo con Bussetti “perché la situazione sta sfuggendo di mano e a settembre le supplenze annuali potrebbero diventare 200 mila. Per questo, bisogna andare a rivedere le norme che regolano formazione e immissioni in ruolo. A partire dalla valorizzazione dei tanti docenti precari abilitati che continuano ad essere tenuti in una situazione di limbo eterno, perché relegati nelle graduatorie d’istituto”.

Rischio sanzioni UE

Attraverso il suo presidente Marcello Pacifico, Anief afferma: “L’occasione è propizia per approvare le modifiche suggerite in Senato nei giorni scorsi da Anief, attraverso le quali si riaprirebbero le GaE a tutti i docenti abilitati esclusi dalla Buona Scuola, ma anche aggiornandole ogni anno, piuttosto che prorogarle, come sta cercando di fare il governo in questi giorni: in caso contrario, non si risolverà nulla e diventerà sempre più probabile lo sviluppo della procedura di infrazione, per via della denuncia 4231/2014 pendente presso la Commissione Ue”.