studenti scuola primaria generica

Tornare a scuola… con la caccia al tesoro: i suggerimenti di Save the Children

Scuola primaria Società

Con il ritorno in classe dei giovani studenti delle scuole di Bolzano inizia ufficialmente l’anno scolastico 2018-19. Il rientro in aula è sempre un momento importante della vita di un ragazzo, e diventa particolarmente delicato se il ragazzo in questione fa il suo esordio in una nuova classe, come la prima elementare o la prima media.

Come rendere questo approccio al nuovo corso di studi il più possibile ottimale, in funzione del primo fondamentale passo per incominciare una nuova vita di classe costruttiva e armoniosa insieme ai nuovi compagni?

Ci viene incontro Save the Children, una delle più grandi e importanti ONG specializzata nel supporto dei bambini. Sul blog di Save The Children, infatti, sono riportati alcuni utili consigli in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico, nove mesi in cui la scuola sarà il luogo in cui l’allievo passerà la maggior parte del suo tempo.

Tra questi, suggerimenti di alcune attività sicuramente inusuali, ma che possono introiettare in maniera positiva l’alunno nella nuova realtà.

La caccia al tesoro di inizio anno scolastico

Quella più curiosa è sicuramente la caccia al tesoro. Nascondere oggetti per la scuola e invitare gli allievi appena arrivati a cercarli e trovarli ha una duplice finalità: la prima è favorire la conoscenza degli alunni che si incontrano per la prima volta, e farlo attraverso il gioco; la seconda è iniziare a esplorare, sempre attraverso il gioco, la scuola e iniziare subito a farlo diventare un ambiente familiare.

A ognuno la sua regola

Anche darsi delle regole può diventare un gioco. Un gioco atto a responsabilizzare gli allievi. Formare dei piccoli gruppi e assegnare a ognuno di questi il controllo del rispetto di una regola è un ottimo esercizio. Durante l’anno, è importante verificare che poi queste regole e questi controlli stiano dando i frutti sperati, coinvolgendo direttamente gli alunni.

Drammatizziamo!

La collaborazione e il rispetto reciproco non nascono spontaneamente, scrive Save the Children che invita ad alimentarli realizzando attività di drammatizzazione ispirate a vita e argomenti affrontati di ogni giorno, un modo che permette una partecipazione attiva anche agli alunni con maggiori difficoltà di apprendimento.