Pubblicato il Lascia un commento

Carta del Docente, occhio a fare i furbi! I controlli ci sono e questo caso lo dimostra

generica gdf guardia di finanza

Probabilmente pensavano di averla fatta franca, i 31 docenti che avrebbero speso indebitamente la propria Carta del Docente nel Maceratese nell’anno 2018. I 31 insegnanti di ruolo, infatti, avrebbero approfittato di due attività commerciali che hanno “allargato il paniere” in maniera irregolare.

L’attività illecita è emersa grazie ai controlli della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle del Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie di Roma hanno scoperto grazie al capillare controllo sull’utilizzo Carta del Docente le due attività e sono quindi risaliti ai 31 insegnanti che hanno usufruito indebitamente del bonus.

Una “furbata” costata amara ai commercianti e anche ai docenti che, consapevolmente o inconsapevolmente, hanno speso la loro Carta: 5600 euro e 35mila euro per gli esercenti di sanzione cumulativa, mentre ogni docente ha dovuto corrispondere il triplo dello speso indebitamente.

La dimostrazione che le attività di controllo esistono e si susseguono, anche se a volte per incrociare e verificare i dati passa del tempo.

Vi ricordiamo che il bonus Carta del Docente può essere utilizzato per:

  • Libri e testi cartacei: non esiste in questo caso vincolo per la tipologia di testo. Non deve essere obbligatoriamente attinente alla materia dell’insegnante e non deve essere didattico. Del resto, ogni libro è cultura.
  • Libri e testi in formato digitale: chiaramente non c’è limitazione per il supporto con cui il libro viene letto. Servirà trovare piattaforme apposite per l’acquisto con Carta del Docente (ma questo in ogni caso).
  • Pubblicazioni e di riviste utili all’aggiornamento professionale;
  • hardware – previsto per l’acquisto con Carta del Docente – e software – idem;
  • l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione;
  • iscrizione del docente a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
  • l’acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • l’acquisto di biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Mentre invece sono scaduti i termini per acquistare il materiale utile per la Dad (webcam, dispositivi di input digitale, hotspot etc.etc.).

Per spendere il bonus Carta del Docente in tutta sicurezza e solo per beni accettati puoi visitare i siti del nostro network Matacena.

Puoi spendere Carta del Docente sui seguenti siti del gruppo Matacena:

Rispondi