scuola primaria stock

Buona Scuola: un colpo di spugna cancella la chiamata diretta dei docenti

Lavoro, Governo e sindacati

Nelle scorse ore il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca guidato nell’attuale esecutivo da Marco Bussetti, ha raggiunto un accordo (manca solo l’ufficialità) con le sigle sindacali di categoria del comparto scuola (Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda delle Insegnanti) che di fatto cassa la chiamata diretta dei docenti già da agosto. Un accordo dai forti connotati politici: è difatti il primo provvedimento del governo Lega – Movimento 5 Stelle che va a colpire la legge cosiddetta Buona Scuola targata Partito Democratico.

Tre anni dopo l’approvazione della legge 107 che prevedeva la chiamata diretta dei docenti da parte del dirigente, si torna quindi all’assegnazione per graduatoria. Secondo i sindacati – si legge in una nota – questo accordo “finalmente rende oggettivo e non discrezionale il passaggio dall’ambito alla scuola. Cade un altro tassello della Legge 107/15”.

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti

Queste le parole che commentano l’accordo pronunciate dal ministro Bussetti:

“In attesa dell’intervento legislativo di definitiva abrogazione, che è mia intenzione proporre nel primo provvedimento utile, con l’accordo sindacale di oggi si dà attuazione a una precisa previsione del contratto del governo del cambiamento, sostituendo la chiamata diretta, connotata da eccessiva discrezionalità e da profili di inefficienza, con criteri trasparenti e obiettivi di mobilità ed assegnazione dei docenti dagli uffici territoriali agli istituti scolastici”.

Chiamata diretta dei docenti, cosa cambierà

L’introduzione della chiamata diretta del docente, in base al curriculum insomma, era forse la più importante novità introdotta dalla Buona Scuola di matrice renziana.

Il docente torna ora a essere assegnato alla scuola dall’Ufficio scolastico territoriale tenendo conto di titoli e punteggio di mobilità. Viene meno, dunque, la possibilità del dirigente scolastico della scuola di poter chiamare direttamente l’insegnante ritenuto – da curriculum – maggiormente adatto all’offerta didattica erogata.

La chiamata avverrà in due fasi: innanzitutto si copriranno i posti disponibili con personale che ha ottenuto la mobilità su ambito con una delle precedenze previste dal Contratto nazionale sulla mobilità; la copertura dei posti residuati col restante personale, secondo il punteggio di mobilità. Il personale in questione potrà indicare la preferenza di una scuola (a differenza delle cinque precedentemente previste): la domanda si effettuerà online. Le operazioni termineranno il 27 luglio.