Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

Il plenum del Csm straordinario tenutosi a Napoli e i precedenti dati dello Svimez di cui  vi abbiamo parlato qualche giorno fa dipingevano un quadro impietoso della situazione partenopea, maglia nera italiana per la dispersione scolastica che i relatori della VI commissione indicavano come primo segnale delle devianze giovanili.

Proprio da Napoli, definito quindi tristemente un osservatorio privilegiato sul tema quasi omnicomprensivo delle baby-gang, parte un progetto pilota per arginare il fenomeno. Presso la Prefettura si è insediata nelle scorse ore la cabina di regia del progetto PITER (Percorsi di inclusione, innovazione territoriale e empowerment) destinato a circa 300 giovani di uno dei quartieri popolari più famosi e nel ventre della città partenopea. Parliamo di quel Rione Sanità che ha dato i natali a Totò e che ha ispirato “Il sindaco del Rione Sanità” di Eduardo De Filippo.

Il progetto PITER

Nel popololare quartiere partenopeo saranno presi in carico 300 minori di età compresa tra i 6 e i 18 anni, considerati a grave rischio di emarginazione sociale e conseguente avvicinamento alla criminalità organizzata che tra questi giovani fa man bassa di manovalanza.

Questi giovani saranno indirizzati verso percorsi didattici, scolastici e/o di formazione professionale. Confermando che la prima lotta alle devianze giovanili si effettua riportando i ragazzi nella scuola, nelle regole, nello Stato.

Comunità educante di quartiere

Il modello a cui si ispira PITER è quello della “comunità educante di quartiere” che sappia mettere in sinergia servizi sociali, municipalità, scuole e l’universo delle associazioni.

Progetto pilota contro la dispersione scolastica

Quello di PITER può definirsi un progetto pilota, esportabile in altre periferie del capoluogo campano (e non solo). Il progetto è finanziato dal PON Legalità del Ministero dell’Interno per 3 milioni di euro. Il prossimo passo sarà il bando di gara, ad evidenza pubblica, a cura del Comune di Napoli e finalizzato all’individuazione del soggetto attuatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X