Mondo Docenti

News e Shop dal mondo della scuola (Gruppo MatacenaWeb )

Totale: 0,00

Nel tragico panorama dell’edilizia scolastica italiana c’è anche questo: una scuola dell’infanzia inaugurata appena 4 anni fa e chiusa ormai da 15 giorni. Lo riporta il Corriere.

Crepe pericolose

Siamo a Roma in via Carlo Gherardini, alla Giustiniana. Qui i genitori degli allievi della scuola dell’infanzia comunale Case e campi hanno chiesto, preoccupati, che venissero visionate crepe e lesioni che sono comparse nei plessi scolastici. Anche i solai sembrano poco stabili. E ne avevano ben da dire, tanto è vero che il 17 ottobre i loro timori vengono confermati in un incontro voluto dall’assessore alla Scuola Pasquale Russo.

“La scuola va sottoposta ad indagini approfondite e probabilmente una ristrutturazione per poter essere sicura per i piccoli alunni”.

La chiusura è datata 22 ottobre, con l’intervento dei Vigili del Fuoco.

La soluzione

Dal 5 novembre due nuove scuole potevano ospitare provvisoriamente i 100 bambini (di età compresa tra i 3 e 5 anni), ma la soluzione non ha trovato il benestare dei genitori: troppo distanti, impensabile perdere un’ora nel traffico o nei mezzi pubblici per accompagnare i figli a scuola. Scuolabus a spese del Comune? Niente, le aziende di trasporto pubblico non hanno disponibilità. Le scuole vicine? Tutte piene. Ed è dura ora per i genitori recriminare sul fatto che nulla è stato fatto fino all’inizio dell’anno scolastico, mentre è dato di fatto che queste indagini sulla tenuta delle strutture erano state già programmata a maggio.

Come è possibile?

Resta la rabbia: la scuola è stata inaugurata appena quattro anni fa. E già rischia di cadere a pezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X