aula generica esami maturità 2019

Arriva la nuova maturità: ecco i dettagli (VIDEO)

Lavoro, Governo e sindacati Scuola secondaria e università

Come avevamo anticipato in questo articolo, la maturità cambia. Arriva l’ufficialità da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Confermate anche le date: quella già certa del 19 giugno (prima prova) e quella che tutti si aspettavano della seconda prova (20 giugno). Confermato anche l’addio alla terza prova, quella comprensiva delle altre materie del piano di studio.

Per venire ammessi all’Esame di Maturità 2019 bisognerà avere:

  1. la sufficienza in condotta;
  2. la sufficienza in tutte le materie, salvo i casi in cui il Consiglio di Classe ritenga di poter ammettere un alunno con una sola insufficienza previa adeguate considerazioni (in tal caso però ci sarà una ripercussione sul monte crediti);
  3. una percentuale superiore al 75 percento di presenze sul monte ore totale.

Bussetti: io e i vostri prof vi saremo vicino

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti

La conferma ufficiale l’ha data il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti direttamente su Facebook attraverso un video. “Oggi abbiamo inviato a tutte le scuole la circolare con le indicazioni operative – spiega Bussetti – che troverete anche sul nostro sito. Contiene tutte le informazioni sulla nuova normativa: credo sia un documento chiaro che permetterà ai vostri insegnanti di accompagnarvi al meglio verso le prove”.

Poi ribadisce la volontà del Miur di stare vicino ai ragazzi che affronteranno l’Esame di Stato in questo anno di transizione: “So per certo quanto sia importante in vista di un esame non sentirsi soli. E voi non lo siete. Io e i vostri prof vi saremo sempre vicini e sempre accanto per raggiungere insieme questo traguardo che non è solo vostro ma anche delle vostre famiglie, delle vostre scuole e della nostra Nazione”.

La totale apertura del Ministero (e del Ministro) è testimoniata anche dalla dichiarazione raccolta dall’Ansa:

“Quando un esame cambia, bisogna stare al fianco della scuola e di chi quella prova deve superarla per fornire tutti i chiarimenti che servono. Lo faremo con altre indicazioni, video esplicativi, interventi di esperti. Vogliamo che ogni novità sia accompagnata da azioni specifiche di supporto. E ai ragazzi dico: se avete domande fatevi avanti, anche sui social, risponderemo ai vostri dubbi”.