Pubblicato il

Napoli, oltre un milione e mezzo di euro per la manutenzione straordinaria delle scuole

La Giunta comunale di Napoli su proposta dell’assessore Annamaria Palmieri ha approvato  il progetto di lavori di manutenzione straordinaria degli edifici scolastici di proprietà del Comune di Napoli per un totale di € 1.601.224,60 da realizzarsi tramite Accordo quadro.

Per mezzo dell’accordo saranno previsti e realizzati, pertanto, interventi di manutenzione a supporto delle 10 municipalità  e su richiesta delle stesse – a cui, come da Regolamento, sono affidate le strutture scolastiche – per far fronte alle esigenze manutentive del patrimonio edilizio scolastico della città. “L’Accordo quadro – spiega la Palmieri – affiancherà senza sovrapporsi le azioni di messa in sicurezza  anche sismica ed efficientamento programmate con le risorse di Patto per Napoli. Il Servizio Tecnico Scuole mette in campo un ulteriore strumento  flessibile per garantire con continuità  gli  interventi puntuali necessari alla tutela  del diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana”.

Pubblicato il

Napoli, presentazione di ANM for School

Il 21 gennaio presso lo stazionamento ANM di Piazza Garibaldi angolo Corso Novara, gli assessori alla Scuola, al Commercio, al patrimonio ed al trasporto pubblico Annamaria Palmieri, Rosaria Galiero, Alessandra Clemente e Marco Gaudini insieme al Consigliere delegato al trasporto pubblico non di linea Ciro Langella ed all’Amministratore Unico di ANM Nicola Pascale, illustreranno alla stampa il programma: “ANM for School”.

spaccanapoli napoli centro storico insegnanti
Spaccanapoli vista dall’alto (foto: Pixabay)

Il programma permetterà l’attivazione di 8 collegamenti di trasporto pubblico su Napoli finalizzati alla mobilità studentesca che impegneranno complessivamente 30 bus per un totale di 350 corse giornaliere integrative rispetto all’offerta ordinaria.   

Pubblicato il

Slittamento ripresa didattica in presenza, l’assessore Palmieri (Napoli) contro la richiesta del presidente Anci Marino

“Segnaliamo che la richiesta rivolta dal Presidente di Anci Campania, il sindaco di Caserta  Carlo Marino, al  presidente della Regione di ulteriore  slittamento della data di ripresa delle lezioni in presenza per allungare i tempi dello screening  non è stata condivisa preventivamente con l’Amministrazione di Napoli: riteniamo che per assumere decisioni su materie così nevralgiche,  decisive per centinaia  di migliaia di cittadini, debbano essere coinvolti l’Ufficio scolastico e tutti i Comuni capoluogo, ciascuno portatore delle esigenze dei propri contesti e rappresentativi della  maggioranza delle scuole della Regione”

Lo afferma l’assessora all’istruzione dell’amministrazione partenopea Annamaria Palmieri.

L’assessore all’istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri

“Rinnoveremo pertanto, per il tramite di Anci Campania, la richiesta  di partecipazione dei Comuni capoluogo all’Unità di crisi regionale. Nel merito della proposta si  sottolinea dolorosamente che le argomentazioni addotte a giustificazione dell’ennesimo rinvio per la riapertura della scuola in presenza ai più piccoli non sembrano convincenti: lo screening è difatti stato attivato su base volontaria e allungandone i tempi di realizzazione, invece che migliorandone l’organizzazione, si rischia di danneggiare ciò che si afferma di voler favorire. Il prezzo di tutto questo lo pagheranno ancora una volta le famiglie e i bambini e le bambine campani,  privati a lungo  di ciò di cui i loro coetanei in tutta Italia,  dal 14 settembre,  godono senza interruzioni, il diritto alla scuola.  In ultimo,  non si concorda sull’idea di  caricare sul personale delle scuole ulteriori  incombenze  come la raccolta delle prenotazioni per i tamponi, richiesta che andava anch’essa  condivisa con le scuole”.

“Come Comune di Napoli rinnoviamo la disponibilità ad agire coesi tra istituzioni nell’interesse della cittadinanza, per favorire in ogni modo una ripartenza  serena che coniughi il diritto alla sicurezza e alla salute  con il benessere psico-fisico  dei nostri piccoli cittadini e con  la priorità all’educazione e all’istruzione che abbiamo sempre sostenuto, considerando gli alti tassi di povertà educativa e abbandono scolastico della regione,  che da anni ci sforziamo di contrastare nella nostra città insieme a tante altre  forze positive”, conclude la Palmieri.

Pubblicato il

De Luca, nuovo affondo dell’assessore Annamaria Palmieri

“De Luca fa marcia indietro su mamme e bambine al plutonio e rivendica di aver difeso e chiesto i congedi parentali. Per favore, qualcuno lo aiuti: lo aiuti a capire che la scuola è importante per i bambini e i ragazzi in sé e non solo perché le mamme possono, tramite il tempo scuola, andare a fare altro oltre che le mamme. La scuola non è una baby sitter gratis, Presidente, è il presupposto dello sviluppo del Paese, del benessere delle giovani generazioni”.

Affida di nuovo la stoccata al Governatore campano Vincenzo De Luca ai canali social istituzionali l’assessore all’Istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri.

L’assessore all’istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri

“E guardi – continua il post – che le donne, anche se si sorprenderà, forse, non chiedono la scuola per liberarsi di figli: nessun congedo restituirà loro quel che i loro figli perdono senza scuola. Ben venga, per carità, la tutela dei diritti del lavoro e dei congedi per le famiglie, ma occhio a ragionare per stereotipi arcaici (e maschilisti). Forse, Presidente, le donna che lavorano amano e vogliono mantenere il proprio lavoro; forse, Presidente, si lotta per la scuola in sé, come valore. Forse, Presidente è giunta l’ora di mettere su un tavolo interistituzionale, aperto al bene collettivo, perché quando ripartiranno, le scuole, quello che non ha funzionato nel sistema sanitario (e non solo) funzioni”.

Poi, la Pamieri tutela l’operato della giunta guidata da Luigi de Magistris: “Lei ha chiesto al Sindaco cosa abbiamo fatto noi per la ripresa: ebbene, Presidente a giugno, luglio, agosto, settembre, insieme ai dirigenti scolastici, ai rappresentanti delle forze sociali, ai tecnici, si è lavorato per adeguare spazi col metro in mano e tanta ansia di non farcela. Non è bastato. Oggi, la regione rimedi al tempo perduto. Stia sicuro, le mamme, le comunità educanti tutte, gli assessorati come il mio, le daranno una mano, perché quello che è successo non accada più. Perche il sacrificio dei ragazzi e dei bambini non sia vano”.

Pubblicato il

Napoli: parte la didattica a distanza solidale

L’assessorato alla Scuola, di concerto con l’Assessorato alle Politiche sociali e l’Assessorato ai Giovani, grazie alla volontà e alla grande disponibilità delle reti di civismo attivo di Napoli, di fronte alla chiusura delle scuole che generalizza l’uso della didattica a distanza,  lancia la rete cittadina della  DAD SOLIDALE,  un’iniziativa tesa ad aprire su tutto il territorio del Comune degli spazi educativi di prossimità rivolti alle alunne e agli alunni per i quali la DAD rischia di essere un amplificatore di disuguaglianza: i più piccoli, i più poveri, coloro che hanno case anguste e famiglie numerose e che, come già avvenuto nella chiusura delle scuole nella prima ondata della pandemia,  rischiano di essere  i più esclusi, doppiamente penalizzati  dalla sospensione della scuola in presenza .
Spazi-aula nel territorio, a cui possono rivolgersi le scuole per gli alunni in difficoltà,  mirati a sostenere la prima funzione affidata alla scuola pubblica repubblicana: garantire a tutte e tutti  pari opportunità di accesso al diritto allo studio.

L’assessore all’istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri

L’iniziativa  valorizza  il sistema integrato di interventi e servizi di contrasto alla dispersione già presente in città e vede il coinvolgimento di numerosi  attori  con l’apertura di spazi per seguire durante la DAD le tante alunne e i tanti alunni che non hanno alle spalle famiglie in grado di offrire condizioni agevoli (spazi e tecnologie) o di sperimentarsi come “maestri aggiunti” al fianco dei figli: Associazione Maestri di Strada, Associazione Gioco immagini e parole, Associazione Trerrote, Associazione E.S.T.,  Nea, Terra di confine, Associazione SePoFà, Associazione Quartieri Spagnoli, Il Grillo Parlante, Centro Don Bosco, Traparentesi onlus,  L’Orsa Maggiore, Dedalus, Officine Gomitoli, A Voce Alta, Matematici per la città, Save The Children Italia con i punti  luce di Barra (tappeto di Iqbal), Sanità (Pianoterra),  Chiaiano (CGD) , L’uomo e il Legno, Cooperativa Amira, Associazione amici di Carlo Fulvio Velardi Onlus . Si tratterà dunque di azioni diffuse sui territori, da San Giovanni a Soccavo, dal centro storico a Chiaiano,  nel pieno rispetto dei protocolli sanitari e delle  linee guida allegate al DPCM del 18 ottobre e dei principi di sussidiarietà orizzontale  a cui si ispirano le coprogettazioni comunali con scuole e terzo settore.

E’ un intervento teso anche a sostenere gli straordinari sforzi che dirigenti e docenti delle scuole di Napoli stanno mettendo in atto per continuare anche oggi, nella complessità densa che ci sta attraversando, a proporre una scuola che non dimentica e non lascia solo nessuno.

Ci si augura che i soggetti  e gli attori che vogliano essere coinvolti in questa azione aumentino, sempre di più, a coprire l’intera città , per dare ai ragazzi in difficoltà la possibilità di  vivere la propria scuola in modo degno anche “fuori della scuola” e in accordo con essa, anche fuori dalle mura anguste di certe case per colmare il divario che si sta aprendo ogni giorno di più tra ragazzi e bambini più e meno fortunati.
“Sono molto felice della risposta che al mio appello per metterci insieme hanno dato tante associazioni: molte già si stavano attrezzando per il supporto alle scuole in difficoltà,  ma mettersi in rete significa trasformare le azioni singole in una politica per l’emancipazione sociale. E questa misura va ritenuta servizio essenziale, anche nel caso scattassero ulteriori restrizioni: studiare non è meno importante che lavorare, o procurarsi cibo. La scuola non è un luogo accessorio ma una istituzione fondante della nostra democrazia e deve essere tutelata e aiutata anche in questa grave crisi sanitaria, sociale e economica.  Per questo speriamo che tanti altri attori e soggetti della città diano la loro disponibilità  per implementare l’offerta di spazi e risorse. Una città  si fa educante quando assume collettivamente la responsabilità educativa”. Così l’assessore Palmieri.

Pubblicato il

Azzolina aprirà l’anno scolastico 20/21 a Scampia, la soddisfazione di Annamaria Palmieri

“È con grande piacere che ricevo dalla Ministra Azzolina l’immediata  disponibilità ad accettare il mio invito per essere a Napoli per l’avvio del prossimo anno scolastico”. Lo rende noto l’assessore all’istruzione Annamaria Palmieri dopo la querelle tra l’esponente della Giunta comunale di Napoli e il Ministro Azzolina per un’uscita infelice su Scampia.

L’assessore all’istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri

Palmieri prosegue: “Sarò felice di mostrare alla Ministra Azzolina le nostre belle realtà scolastiche, che presentano tante peculiarità, non nascondono le difficoltà e la complessità della metropoli,  ma sono anche essenziale presidio dello Stato e dei valori costituzionali, come la Azzolina ha voluto sottolineare nel suo bel messaggio che ho appena ricevuto”.

“Stiamo lavorando per riaprire, le scuole, in sicurezza e in presenza. Non ci fermeremo dal rivendicare risorse e impegno di tutti per difendere la scuola pubblica a Napoli. Accolgo gli auguri del Ministro Azzolina come un ulteriore sprone, per tutta la nostra meravigliosa comunità educante”, conclude la Palmieri.

Pubblicato il

Il Comune di Napoli lancia #lasaluteincasa, con consigli anche per i nostri figli in quarantena

banner salute in casa

L ’Assessorato alla Salute del Comune di Napoli, in collaborazione con l’Assessorato allo Sport, ai Giovani e alla Scuola, effettuerà collegamenti giornalieri con psicologi – psicoterapeuti, tecnologi alimentari, medici pediatri e sportivi per fornire consigli e suggerimenti utili per rimanere a casa aiutandoci ad attivare quelle capacità che ci consentono di vivere al meglio situazioni di difficoltà come questa. “Questi professionisti, che ringraziamo per il loro apporto volontario, sceglieranno di volta in volta un argomento su cui discutere e rispondere alle domande dei cittadini. Insieme ce la faremo #lasaluteincasa” spiegano da Palazzo San Giacomo.

banner salute in casa

Questo il calendario settimanale:

  • VENERDI  “Psicologia in diretta” alle ore 11 video di presentazione e lancio dell’argomento – dalle ore 18 alle 19. Incontri in diretta con lo psicologo che approfondirà l’argomento scelto e risponderà alle domande dei cittadini. Sarà possibile telefonare da casa durante la diretta al numero: 08119306700
  • SABATO “Tecnologi degli alimenti in diretta” alle ore 11 video di presentazione e lancio dell’argomento di cui si parlerà. Potrebbero essere consigli su come preparare pietanze e conserve mantenendo le proprietà nutritive. Dalle ore 18 alle 19  in diretta lo specialista approfondirà l’argomento scelto e risponderà alle domande dei cittadini. Sarà possibile telefonare da casa durante la diretta al numero: 08119306700
  • DOMENICA “Lo Sport in diretta” alle ore 11 video di presentazione da parte di personaggi famosi delle diverse discipline sportive, dalle ore 18 alle 19  in diretta uno sportivo delle Federazioni darà consigli per praticare a casa esercizi fisici. Sarà possibile telefonare da casa durante la diretta al numero: 08119306700
  • LUNEDI “Pediatria in diretta” alle ore 11 video di presentazione del medico pediatra e lancio dell’argomento che dalle ore 18 alle 19 verrà approfondito con le risposte alle domande che i cittadini potranno fare in diretta. Sarà possibile telefonare da casa durante la diretta al numero: 08119306700
Pubblicato il

Napoli, accordo tra Comune e Città Metropolitana per il Giustino Fortunato

La Giunta comunale ha approvato ieri sera, su proposta dell’assessora alla scuola Annamaria Palmieri e dell’assessora al patrimonio Alessandra Clemente, la convenzione tra Comune e Città metropolitana per la concessione in uso, a titolo oneroso, di uno dei due edifici della struttura scolastica sita in via Le Bucoliche come sede succursale dell’ISIS Giustino Fortunato. Con tale delibera la Giunta esprime il proprio indirizzo favorevole affinché l’edificio sia concesso in locazione per sei anni rinnovabili; la Città metropolitana assume l’impegno di un canone annuo e di realizzare lavori di adeguamento dei locali per adattarli a scuola superiore, nonché interventi manutentivi nell’edificio adiacente della struttura che resta in capo all’IC 33imo Risorgimento. Dalla convenzione discenderà il contratto, che porta a risoluzione una grave criticità per la platea scolastica: “Da quando lo scorso anno la succursale della Giustino Fortunato è diventata inagibile per infiltrazioni nel sottosuolo, gli oltre mille studenti hanno vissuto gravissimi disagi con doppi turni e rotazioni. Dalla sinergia tra Comune e Città metropolitana, accompagnata anche dal grande spirito di condivisione e collaborazione tra i dirigenti scolastici, con la massima disponibilità offerta dal 33imo circolo a favore della comunità scolastica dell’istituto superiore, si è trovata una soluzione eccellente, di cui siamo tutti orgogliosi. Nonostante l’emergenza, l’amministrazione di Napoli non si ferma”.

Pubblicato il Lascia un commento

Napoli, approvati lavori di ristrutturazione per due scuole di Pianura: ecco quali

La Giunta comunale, a firma dell’assessore alla scuola Annamaria Palmieri ha approvato due delibere per l’esecuzione dei lavori urgenti e indifferibili di impermealizzazione dei solai di copertura delle scuole secondarie di I grado “72°- Palasciano” plesso Palasciano di via Padula n.131 (per un importo di 146.000,00 euro) e “Don Giustino Russolillo” plesso Torricelli in via Torricelli n.5/c (per un importo di 143.000,00 euro) interessati da ingenti infiltrazioni meteoriche.

“Abbiamo deciso di operare” ha dichiarato l’Assessore Palmieri “in estrema urgenza perché le conseguenze dei danni causati dal maltempo non provocassero ammaloramenti ulteriori e per consentire quanto prima la risoluzione dei problemi infiltrativi”.

Pubblicato il Lascia un commento

Protocollo d’intesa Comune di Napoli – Università Parthenope

Presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, il Sindaco Luigi de Magistris e il Rettore dell’Università “Parthenope” Alberto Carotenuto la firma del protocollo d’intesa tra il Comune di Napoli e l’Università per la alienazione e la valorizzazione del compendio immobiliare sito in piazza Neghelli per destinarvi attività didattiche e scientifiche del Dipartimento di Scienze Motorie.

L’Università Parthenope ha manifestato la volontà di acquistare l’immobile di piazza Neghelli n.14, attualmente chiuso e in gran parte abbandonato ad ecezione di poche aule destinate ancora come succursale della scuola “Gigante Neghelli”. Nel contempo l’Università opererà a vantaggio della scuola interventi di ristrutturazione e riqualificazione del Comprensivo scolastico centrale di piazza Neghelli n.41 (palestra, aule e servizi igienici) consentendo finalmente una migliore organizzazione delle attività didattiche dello stesso. La dismissione avrà anche una positiva ricaduta sui delicati equilibri finanziari del Comune di Napoli e fornirà un’offerta formativa più ampia sul territorio (Scuola e Università fianco a fianco), nonché la rigenerazione e fruizione di spazi e strutture dedicate al tempo libero e allo sport, come la vecchia palestra dell’Istituto Comprensivo “Gigante Neghelli” che pure risulta impraticabile da numerosi anni. La localizzazione di una sede universitaria nel territorio di Cavalleggeri d’Aosta definita in accordo con la X Municipalità rappresenta una significativa valorizzazione e rigenerazione dell’area e nel contempo una nuova offerta di servizi sia per gli studenti universitari che per la platea scolastica.