Pubblicato il

Iscrizioni a scuola, più di 1 su 2 sceglie il liceo

Arrivano i primi dati sulle scelte dei ragazzi dopo il periodo di iscrizione telematica a scuola. I Licei, con il 57,8% delle preferenze, si confermano in testa alle scelte delle studentesse e degli studenti. Seguono gli Istituti tecnici, con il 30,3% delle iscrizioni, e i Professionali, scelti dall’11,9% delle ragazze e dei ragazzi.

I numeri si evincono dalle iscrizioni online al prossimo anno scolastico, il 2021/2022, che hanno riguardato le classi prime della primaria, della secondaria di primo e di secondo grado, procedura che si è aperta lo scorso 4 gennaio e si è conclusa lunedì 25 gennaio alle 20.00.

aula scuola generica

Il fascino senza tempo dei licei

Licei continuano ad essere scelti da oltre uno studente su due: quest’anno il 57,8% delle domande ha riguardato un indirizzo liceale (era il 56,3% un anno fa). Rimane sostanzialmente stabile il Classico, scelto dal 6,5% delle ragazze e dei ragazzi (il 6,7% un anno fa). Ancora in crescita l’interesse per gli indirizzi del Liceo scientifico, che passano dal 26,2% delle preferenze di un anno fa al 26,9% di quest’anno. Scendendo nel dettaglio, ha scelto lo Scientifico tradizionale il 15,1% dei ragazzi (un anno fa era il 15,5%), il 10% ha scelto l’opzione Scienze applicate, che è in crescita (l’8,9% l’anno scorso), confermata la scelta delle sezioni dello Scientifico a indirizzo Sportivo da parte dell’1,8% delle studentesse e degli studenti.

Il Linguistico scende dall’8,8% all’8,4% delle scelte. Cresce l’Artistico, dal 4,4% al 5,1%. In aumento anche l’interesse per il Liceo delle Scienze umane, dall’8,7 al 9,7% delle preferenze. In particolare, l’indirizzo tradizionale sale dal 6% al 6,5%, l’opzione Economico-Sociale sale dal 2,7% al 3,2%. Stabile il dato per i Licei ad indirizzo Europeo e internazionale (0,5%). I Licei musicali e coreutici scendono dall’1% allo 0,7%.

Uno studente su tre agli Istituti tecnici

Un terzo delle scelte è ancora per i Tecnici che, sostanzialmente, tengono: li sceglie il 30,3% delle studentesse e degli studenti (il 30,8% un anno fa). Il settore Economico scende al 10% dall’11,2%, cresce il Tecnologico, dal 19,6% al 20,3%. Gli Istituti professionali segnano un calo dal 12,9% all’11,9% delle scelte.

Pubblicato il

Da oggi aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2021/22

Dal 4 al 25 gennaio sarà possibile presentare le domande di iscrizione alle scuole dell’infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2021/2022. La procedura anche quest’anno sarà telematica. Per tutte le classi iniziali della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado statali l’unica modalità consentita è online. I genitori potranno avviare la fase di registrazione, per accreditarsi tramite le credenziali, sul sito www.istruzione.it/iscrizionionline/ dalle ore 9.00 del 19 dicembre 2020. I possessori di identità digitale SPID possono accedere direttamente tramite il proprio gestore.

Dalle primarie alle secondarie di secondo grado, la procedura di iscrizione alla classe prima è online; per le istituzioni che erogano percorsi IeFP, siano essi Istituti professionali e/o Centri di formazione accreditati dalle Regioni occorre verificare l’adesione degli stessi alla modalità telematica. Analogamente si procede per gli istituti paritari.

Le scuole accolgono le domande di iscrizione entro il limite massimo dei posti complessivamente disponibili rispetto alle risorse di docenti in organico, del numero e della capienza delle aule e degli spazi disponibili.

Scuola concorsi documenti scrittura uomo

Nel caso pervengano domande in eccedenza, la scuola rende noti in anticipo sul proprio sito web e sui moduli predisposti, i criteri di precedenza deliberati dal Consiglio di istituto. Secondo la circolare è da evitare l’adozione di criteri come la data di invio della domanda o il ricorso ad eventuali test di valutazione. E’ sempre possibile, da parte delle famiglie, indicare in subordine altri due istituti di proprio gradimento. Il tutto in linea con quanto già accaduto lo scorso anno.

Sono escluse dal sistema online le sezioni della scuola dell’infanzia, tutte le scuole della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano, le classi terze dei licei artistici e degli istituti tecnici, l’istruzione degli adulti.

Ulteriori informazioni sul sito di FLC Cgil.

Pubblicato il

Iscrizioni scuola 2020/21, c’è ancora tempo fino a venerdì

bambino asilo generica

C’è tempo fino alle 20.00 di venerdì 31 gennaio 2020 per l’iscrizione per il prossimo anno scolastico, il 2020/2021. Dopo le 20 non sarà più possibile inoltrare la domanda di iscrizione per gli alunni che devono frequentare le prime classi.

La procedura è sempre via web tramite il portale Iscrizioni online. Per i genitori che devono ancora scegliere la scuola è a disposizione la nuova App del portale ‘Scuola in Chiaro’ che permette di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni sugli istituti.

La domanda di iscrizione a scuola può essere inviata dopo aver effettuato la preventiva registrazione al portale dedicato (www.iscrizioni.istruzione.it). La procedura di registrazione è disponibile già dallo scorso 27 dicembre. All’interno del portale i genitori hanno a disposizione delle guide e dei video tutorial di supporto. Le famiglie che hanno necessità per effettuare la procedura web possono anche rivolgersi alle segreterie degli istituti scolastici. Il sistema di Iscrizioni online avvisa in tempo reale, tramite posta elettronica, dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda.

Le iscrizioni a scuola sono obbligatorie per gli alunni delle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e di II grado. La domanda di iscrizione deve essere inoltrata online anche per i corsi di istruzione dei Centri di formazione professionale nelle regioni che hanno aderito alla procedura (Calabria, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto). Per le scuole dell’infanzia la procedura rimane invece cartacea. Resta facoltativa l’adesione al sistema di iscrizione online per gli istituti paritari.

(fonte: Miur)

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni anno scolastico 2020/21 online, ecco come

Una bambina che va a scuola il primo giorno

Al via le iscrizioni per il prossimo anno scolastico, il 2020/2021. Fino alle 20.00 di venerdì 31 gennaio 2020, è possibile inoltrare la domanda di iscrizione per gli alunni che devono frequentare le prime classi. La procedura è sempre via web tramite il portale Iscrizioni online. Per i genitori che devono ancora scegliere la scuola è a disposizione la nuova App del portale ‘Scuola in Chiaro’ che permette di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni sugli istituti.

La domanda di iscrizione a scuola può essere inviata dopo aver effettuato la preventiva registrazione al portale dedicato (www.iscrizioni.istruzione.it). La procedura di registrazione è disponibile già dallo scorso 27 dicembre. All’interno del portale i genitori hanno a disposizione delle guide e dei video tutorial di supporto. Le famiglie che hanno necessità per effettuare la procedura web possono anche rivolgersi alle segreterie degli istituti scolastici. Il sistema di Iscrizioni online avvisa in tempo reale, tramite posta elettronica, dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda.

Le iscrizioni a scuola sono obbligatorie per gli alunni delle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e di II grado. La domanda di iscrizione deve essere inoltrata online anche per i corsi di istruzione dei Centri di formazione professionale nelle regioni che hanno aderito alla procedura (Calabria, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto). Per le scuole dell’infanzia la procedura rimane invece cartacea. Resta facoltativa l’adesione al sistema di iscrizione online per gli istituti paritari.

Anche quest’anno è stata lanciata una campagna di comunicazione istituzionale per dare informazioni utili alle famiglie: dai passaggi principali della procedura per le iscrizioni online alle date utili per l’inoltro della domanda di iscrizione, al portale per effettuare la procedura. La campagna sarà trasmessa sulle reti Rai (spot tv e radio) su La7 e sui canali social Miur.

(fonte: Miur)

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni scuola: la circolare Miur per l’anno scolastico 2020/21

aula generica esami maturità 2019

Attraverso una nota stampa sul sito ufficiale, il Ministero dell’Istruzione informa che c’è tempo dal 7 al 31 gennaio 2020 per inoltrare la domanda di iscrizione a scuola. In data 13 novembre tutti gli istituti scolastici hanno ricevuto la circolare con le indicazioni utili per le famiglie per il nuovo anno scolastico 2020/21.

La circolare è disponibile in versione integrale anche sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, al seguente link: https://bit.ly/2OdV8q2.

Anche quest’anno, per affiancare i genitori nella scelta è disponibile una nuova App del portale Scuola in Chiaro che permette di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni sugli istituti. 

Lo riporta il sito del Miur che aggiunge ulteriori utili informazioni che riportiamo in calce.

Come e quando fare l’iscrizione

Anche quest’anno, dunque, i moduli per l’iscrizione alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado potranno essere compilati dalle famiglie dalle 8.00 del 7 gennaio alle 20.00 del 31 gennaio 2020. La procedura è sempre on line tramite il portale Iscrizioni on line. Ma i genitori, già a partire dalle 9.00 del 27 dicembre 2019, potranno accedere alla fase di registrazione che precede l’invio della domanda tramite il portale www.iscrizioni.istruzione.it. Chi ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà entrare nella sezione web con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità. Le famiglie in difficoltà potranno far riferimento agli istituti scolastici.

Le iscrizioni on line riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito al progetto). Per le scuole dell’infanzia la procedura rimane cartacea. L’adesione degli istituti paritari al sistema delle Iscrizioni on line resta sempre facoltativa.

Un’App per scegliere l’istituto

Per effettuare l’iscrizione on line le famiglie dovranno innanzitutto individuare la scuola di preferenza. Come sempre è disponibile il portale Scuola in Chiaro che raccoglie i profili di tutti gli istituti per consentire anche una valutazione comparativa in base alle proprie esigenze. Nel portale ci sono infatti tutte le informazioni utili e necessarie per una scelta il più consapevole possibile: dall’organizzazione oraria ai risultati ottenuti negli anni passati dagli studenti, compreso il percorso successivo (eventuali studi universitari e ingresso nel mondo del lavoro).

Per Scuola in Chiaro è disponibile una nuova App. Grazie a questa applicazione, a partire da un QR Code dinamico associato a ogni singola istituzione scolastica, viene data la possibilità non solo di accedere con i propri dispositivi mobili alle informazioni principali sulla scuola, ma anche di visualizzare alcuni dati presenti per confrontarli con quelli di altri istituti del territorio.

Scuola dell’infanzia

La domanda va presentata direttamente alla scuola prescelta. Hanno la precedenza nell’iscrizione alle scuole dell’infanzia i bambini che compiranno il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2020. In caso di posti liberi, possono essere accettate le iscrizioni degli alunni che compiranno tre anni nei quattro mesi successivi (entro il 30 aprile 2021). Non sarà invece possibile in ogni caso iscrivere bambini più piccoli. I genitori possono scegliere tra tempo normale (40 ore settimanali), ridotto (25 ore) o esteso fino a 50 ore.

Scuola primaria

Le domande di iscrizione si compilano solo on line. I genitori iscriveranno alla prima classe i bambini che compiranno sei anni di età entro il 31 dicembre 2020. Sono accettate le iscrizioni, in caso di disponibilità di posti, anche degli alunni che compiranno i sei anni nei quattro mesi successivi, quindi entro il 30 aprile 2021. Non è consentita invece l’iscrizione alla prima classe della primaria di bambini più piccoli. I genitori, al momento della compilazione delle domande di iscrizione on line, indicheranno le proprie preferenze rispetto alle opzioni possibili dell’orario settimanale che può essere di 24, 27, fino a 30 ore oppure 40 ore (tempo pieno). Potranno anche indicare, in subordine rispetto alla scuola che costituisce la loro prima scelta, fino a un massimo di altri due istituti. Se non c’è disponibilità di posti nella prima scuola scelta, il sistema di Iscrizioni on line comunicherà in automatico di aver inoltrato la domanda verso le scuole indicate come seconda o terza opzione.

Scuola secondaria di I grado

All’atto dell’iscrizione on line, i genitori indicheranno l’orario settimanale preferito. Potranno scegliere tra tempo ordinario di 30 ore oppure tempo prolungato (da 36 fino a 40 ore), se servizi e strutture lo consentiranno. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, sarà possibile indicare fino a un massimo di altri due istituti di proprio gradimento. Per l’iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l’apposita casella del modulo di domanda di iscrizione on line. Le istituzioni scolastiche organizzeranno la prova orientativo-attitudinale in tempo utile per consentire ai genitori, nel caso di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova richiesta di iscrizione anche a un’altra scuola.

Scuola secondaria di II grado

Nella domanda di iscrizione on line alla prima classe di una scuola secondaria di II grado, i genitori esprimeranno anche la scelta dell’indirizzo di studio, indicando anche l’eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altri due istituti di proprio gradimento.

L’iscrizione alle prime classi dei licei musicali e coreutici è subordinata al superamento di una prova di verifica di competenze e attitudini. Questa prova sarà effettuata in tempo utile per consentire ai genitori, nel caso di mancato superamento o di carenza di posti, di presentare una nuova istanza di iscrizione presso un’altra scuola.
  
La circolare contiene informazioni dettagliate anche sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana. Con riferimento a questi ultimi, in particolare, si ricorda che anche per quelli sprovvisti di codice fiscale è consentito effettuare la domanda di iscrizione on line. Una funzione di sistema, infatti, consente la creazione di un ‘codice provvisorio’ che l’istituzione scolastica sostituirà appena possibile con il codice fiscale definitivo.

Miur

Il link alla circolare:
https://bit.ly/2OdV8q2

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni anno scolastico 2019/2020: fino al 31 gennaio

aula generica esami maturità 2019

Si avvicina la data di scadenza delle iscrizioni online per l’anno scolastico 2019/2020. Sarà possibile registrarsi al sito ed effettuare l’iscrizione alle classi della scuola primaria e secondaria soltanto fino al 31 gennaio 2019 alle ore 20.00. Si tratta di una tappa obbligatoria per le scuole statali e facoltativa per le scuole paritarie. La fase di avvio all’iter digitale è attiva dal 7 gennaio, come anticipato dalla notizia sull’apertura delle iscrizioni.

Come si effettuano le iscrizioni?

Prima di tutto bisogna registrarsi al portale. La registrazione deve essere effettuata da un genitore o da chi esercita la potestà genitoriale. Chi è già registrato non deve effettuare di nuovo l’operazione. Poi, bisogna accedere con l’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Culturale) al portale http://www.istruzione.it/iscrizionionline/ e scegliere le preferenze fino a un massimo di tre. Ad ognuna va associato un codice che è possibile trovare attraverso Scuola in Chiaro.

Scuola in Chiaro

Come riportato in precedenza, il Miur ha messo a disposizione il portale Scuola in Chiaro per trovare facilmente le informazioni sulla scuola scelta e confrontarle con quelle di altri istituti del territorio. Tra i criteri di selezione più importanti bisogna tenere conto di vari fattori, come sottolinea GreenMe. Ecco i più importanti: distanza, attività extra scolastiche, lingue, diversità, rapporto alunni/insegnanti e partecipazione familiare.

Informazioni sulle Iscrizioni

Mondo Docenti ha seguito attentamente le varie fasi del percorso. Per chi se le fosse perse e necessita di maggiori informazioni riportiamo di seguito i link:

di Titti Pentangelo

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni anno scolastico 2019/20, le 10 cose da tenere in considerazione secondo GreenMe

Una bambina che va a scuola il primo giorno

In queste ore centinaia di genitori si sono riversati sulla piattaforma apposita per procedere con l’iscrizione per l’anno scolastico 2019/20 dei propri figli (ne parliamo approfonditamente in questo articolo). La paura di scegliere per il proprio pargolo una scuola non ideale a lui è uno dei maggiori motivi d’ansia dei tutori, chiamati a destreggiarsi in queste ore tra identità digitali e Scuola in Chiaro. Insomma, il rischio di andare in palla è molto elevato. Per questo, il portale GreenMe dedica un bello spazio con i suggerimenti su cosa tenere bene a mente per i genitori che si apprestano a iscrivere il proprio figlio a scuola.

Iscrizione a.s. 2019/20, le cose da non sottovalutare

Ecco una breve sintesi sul cosa ricordare al momento di compiere l’importante passo per la vita del proprio piccolo.

  • Distanza: può sembrare scontato, ma spesso in funzione del blasone o meno di un istituto rispetto a un altro sacrifichiamo la comodità per raggiungere la scuola. Il luogo dove i nostri figli passeranno la maggior parte del tempo per un intero anno. Evitare levatacce o viaggi della speranza per raggiungere il plesso scolastico è invece fondamentale per il loro benessere e la capacità di concentrazione.
  • Attività extrascolastiche: le scuole si candidano ormai a diventare un luogo aperto tutto il giorno, ad assolvere un ruolo ben diverso rispetto a quello di qualche decennio fa. L’offerta extracurricolare, in linea con le inclinazioni e le passioni dei propri figli, può essere un’importante discriminante nella scelta della scuola migliore.
  • Lingue: uno dei punti più importanti. Universalmente riconosciuta l’importanza dell’apprendimento di lingue straniere già in tenera età, è fondamentale comprendere come l’istituto in questione approcci al tema dell’insegnamento della lingua straniera (CLIL, scuole bilingue etc.etc.).
  • Diversità: la scuola è pronta a prendersi carico dei desideri specifici del tuo ragazzo? Confrontarsi con esperienze simili è fondamentale soprattutto nel caso in cui le necessità di tuo figlio siano ben delineate.
  • Insegnanti e rapporto alunni/insegnanti: chiaramente, GreenMe sottolinea che un buon insegnamento è alla base di ogni discorso. Ma anche che in scuole particolarmente richieste, il rischio di penalizzare il rapporto diretto tra allievo e insegnante è più alto. E in questa fase della vita rischia di essere davvero un bel grattacapo.
  • Partecipazione familiare: vero tallone d’Achille dei tempi che corrono, la partecipazione familiare allo sviluppo armonioso del bambino è qualcosa che la scuola deve saper gestire con metodi, tempi e modi adatti.
Pubblicato il Lascia un commento

7 gennaio, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2019/20

studenti scuola primaria generica

Come avevamo anticipato quando abbiamo dato la notizia dell’apertura delle registrazioni al portale, è da oggi possibile procedere con l’iter digitale per iscrivere i propri figli e/o minori di cui si ha tutela a scuola per l’anno scolastico 2019/20.

Per chi è obbligatoria l’iscrizione online?

Le iscrizioni on line sono obbligatorie per le scuole statali e facoltative per le scuole paritarie; riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale di Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.

Escluse dall’iter digitale (valido ancora il cartaceo) le iscrizioni alla scuola dell’infanzia.

Chi deve registrarsi al portale?

La registrazione – sottolinea il Miur – deve essere effettuata dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale. Chi si fosse già registrato nel corso dell’anno non dovrà ripetere tale operazione.

Chi ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) non ha bisogno di fare preventivamente la registrazione e può accedere al servizio a partire da oggi 7 gennaio 2019.

E poi?

Poi bisogna accedere con lo SPID al portale http://www.istruzione.it/iscrizionionline/ e segnalare le preferenze del percorso prescelto. Se ne possono indicare fino a 3, e si possono alternare (nel caso di istruzione superiore) anche scelte di scuola o centri di formazione professionale.

Come spiega il Miur sul portale apposito, per accedere alla domanda di iscrizione occorre conoscere il codice della scuola o del Centro di Formazione Professionale (CFP) prescelto. Puoi trovare il codice della scuola/CFP attraverso Scuola in Chiaro.

Poiché è possibile indicare nella domanda, elencandole in ordine di preferenza, fino a tre scuole o percorsi di istruzione – che, nel caso di istruzione superiore, possono indifferentemente riguardare l’istruzione statale e/o l’istruzione e la formazione regionale – i codici da conoscere potrebbero essere tre.

Scuola in Chiaro

Per semplificare la scelta, il Miur mette a disposizione il portale Scuola in Chiaro dove sarà possibile accedere alle informazioni principali sulla scuola e confrontare alcuni dati già presenti nel sistema informativo con quelli di altre scuole del territorio.

Informazioni sulle iscrizioni

Mondodocenti ha già dedicato nelle scorse settimane alcuni focus relativi all’iscrizione al prossimo anno scolastico. Per chi se li fosse persi e ha bisogno di maggiori informazioni, riportiamo di seguito i link:

Scadenza

Il termine per le iscrizioni online è fissato al 31 gennaio alle ore 20.00.

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni anno scolastico 2019/20 al via

screenshot portale iscrizioni miur

I genitori che devono iscrivere per la prima volta i figli a scuola da oggi possono iniziare il procedimento online. Dalle 9.00 di oggi 27 dicembre 2019 infatti è stata avviata la procedura, raggiungibile dal sito http://www.iscrizioni.istruzione.it, che permetterà la registrazione alla piattaforma per la successiva sezione d’iscrizione prevista nel mese di gennaio, nella finestra che va dal 7 gennaio (ore 8.00) al 31 gennaio (ore 20.00) 2019.

Chi deve registrarsi?

La registrazione – sottolinea il Miur – deve essere effettuata dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale. Chi si fosse già registrato nel corso dell’anno non dovrà ripetere tale operazione.

Chi ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) non ha bisogno di fare preventivamente la registrazione e può accedere al servizio a partire dal 7 gennaio 2019.

Per chi è obbligatoria l’iscrizione online?

Le iscrizioni on line sono obbligatorie per le scuole statali e facoltative per le scuole paritarie; riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali delle regioni che hanno aderito alla procedura: Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.

Informazioni sulle iscrizioni

Mondodocenti ha già dedicato nelle scorse settimane alcuni focus relativi all’iscrizione al prossimo anno scolastico. Per chi se li fosse persi e ha bisogno di maggiori informazioni, riportiamo di seguito i link:

Pubblicato il Lascia un commento

Iscrizioni scuola 2019/20 e obbligo vaccinale: come comportarsi

vaccinazione bambini scuola

Dal 7 al 31 gennaio 2019 sarà possibile effettuare le iscrizioni per gli studenti all’anno scolastico 2019/2020. Corre però fare attenzione al tema delle vaccinazioni: secondo l’ultima circolare del MIUR, se non si è già in possesso della certificazione relativa ai vaccini, è necessario che…

  • i dirigenti scolastici (e i responsabili dei servizi educativi, dei centri di formazione professionale e delle scuole private non paritarie) devono trasmettere alle aziende sanitarie locali, entro il 10 marzo, l’elenco degli iscritti di età compresa tra zero e sedici anni, inclusi i minori stranieri non accompagnati, per l’anno scolastico successivo;
  • le ASL, entro il 10 giugno, restituiscono i summenzionati elenchi con l’indicazione dei soggetti che non risultino in regola con gli obblighi vaccinali, che non rientrino nelle situazioni di esonero, omissione o differimento delle vaccinazioni e che non abbiano presentato formale richiesta di vaccinazione;
  • nei dieci giorni successivi all’acquisizione degli elenchi con le indicazioni succitate, i dirigenti scolastici invitano i genitori, i tutori o i soggetti affidatari a depositare, entro il 10 luglio, la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni ovvero l’esonero, l’omissione o il differimento delle stesse, o la presentazione della formale richiesta di vaccinazione all’ASL competente;
  • dopo il suddetto invito, i dirigenti scolastici trasmettono all’ASL, entro il 20 luglio, la documentazione presentata dai genitori o la comunicazione dell’eventuale mancato deposito per gli adempimenti di competenza e, ricorrendone i presupposti, per l’applicazione delle sanzioni.

Per la scuola dell’infanzia e i servizi educativi per l’infanzia la mancata presentazione della documentazione summenzionata comporta la decadenza dall’iscrizione. Non determina, invece, la decadenza dall’iscrizione né impedisce la partecipazione  agli esami, per gli altri gradi di istruzione.